Tutte 728×90
Tutte 728×90

“Di gradone in gradone”, la storia dei Fedayn Bronx e dell’amicizia con Cosenza

“Di gradone in gradone”, la storia dei Fedayn Bronx e dell’amicizia con Cosenza

Il libro del giornalista Giuseppe Frondella ripercorre l’evolversi del fenomeno ultras nella città di Caserta e dedica ampio spazio al legame tra le due tifoserie rossoblù che rinsalderanno un’amicizia puri-trentennale.
libro frondellaLa copertina del libro di Giuseppe Frondella con il capitolo dedicato ai Lupi nel particolare
Una storia lunga oltre 30 anni condensata in 197 pagine di testimonianze, aneddoti, interviste ed oltre 400 foto. Tutto questo è “Di gradone in gradone”, libro scritto dal giornalista casertano Giuseppe Frondella che ripercorre l’evolversi del fenomeno ultras nella città di Caserta. Una finestra sul mondo del tifo rossoblù, dal post “Rivolta del Pallone” del 1969, ai primi segnali di presenza ultras sulle gradinate dello stadio “Pinto”, passando attraverso la storia infinita dei Fedayn Bronx e la miriade di gruppi che si sono succeduti sui gradoni partecipando in maniera attiva e decisiva alla crescita degli ideali ultras di matrice casertana. Fino ad arrivare ai tempi del calcio moderno con gli alti e bassi della Casertana che non sono riusciti a spegnere il fuoco della passione di chi vive i gradoni del “Pinto”. Non un libro volto ad una semplice autocelebrazione del movimento Ultras della città della Reggia, ma un documento che racconta l’evoluzione del modo di intendere la vita di Curva, intrecciando il tutto con la storia, i costumi, gli aspetti sociali di una Città e di un’intera Provincia. Il progetto, che ha mosso i primi passi nel dicembre del 2011, è approdato sul mercato lo scorso settembre grazie al fondamentale contributo della rivista Sportpeople, editrice e parte attiva della produzione del lavoro di Giuseppe Frondella. Sfogliando le pagine di “Di gradone in gradone” ci si trova catapultati nella città di Caserta con i suoi pregi e le sue mille contraddizioni. Racconti di epoche e generazioni diverse che si sono alternate sugli spalti del “Pinto” consumati dal passare degli anni. Vengono svelati retroscena sulla nascita dei diversi gruppi, la scelta della sigla e le vicende che li hanno visti protagonisti. La rivalità storica con Salerno, la tanto discussa trasferta mancata del Vestuti del 1990, il gemellaggio con Terni e Cassino e le amicizie maturate nel corso degli anni cercando di non intaccare i delicati equilibri di curva. Al capitolo 10 ampio spazio al gemellaggio storico tra Caserta e Cosenza in cui si svelano i veri retroscena che hanno portato all’avvicinamento delle due tifoserie già nel lontano 22 maggio 1983. Racconti e foto che dipingono lo splendido legame tra due città, prima ancora che tra due realtà ultras. Tutto nel segno di quel “Caserta-Cosenza, nessuna differenza” che non smetterà mai di risuonare al ‘Pinto’ come al “San Vito”.
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts