Tutte 728×90
Tutte 728×90

Un tifo all’inglese in memoria di Piero Romeo

Un tifo all’inglese in memoria di Piero Romeo

La Tribuna A sembrava Anfield o Marassi e quando i capi storici hanno lanciato i cori, il San Vito ha tremato. Che delusione per Scopelliti e Foti, Guarascio e Paletta invece ridevano. Ancora offese per Padre Fedele.
tribuna a per piero romeoLo striscione con cui gli ultrà hanno celebrato la memoria di Piero Romeo (foto mannarino)
Avete presente quando in tv bisogna abbassare il volume perché i decibel di Anfield o Marassi sono troppo alti? Beh il San Vito in versione british non ha avuto nulla da invidiare ad altri impianti più rinomati. L’effetto acustico prodotto dal tifo in Tribuna A è stato devastante, coinvolgente ed ha trascinato i Lupi alla vittoria. Mancava solo che qualcuno entrasse in campo e con un sinistro al volo fissasse il punteggio sul 3-0. Scherzi a parte, è stato un pomeriggio in cui la memoria di Piero Romeo è stata onorata in maniera completa e i supporter diversamente abili hanno avuto l’occasione di poter contribuire con la loro voce a far “tremare la terra e il mar”. In tribuna il presidente Guarascio annuiva a chi sosteneva che in questo modo la spinta del pubblico influiva maggiormente e, senza dubbio, gli sarà venuta pure la voglia di affacciarsi per sbirciare quante sciarpe tese c’erano sotto di lui. Peppe Scopelliti, beccato nel secondo tempo dagli ultrà, è arrivato con largo anticipo e si è seduto di fianco all’ex sindaco di Reggio Demetrio Arena. Lillo Foti, lontano da loro, ha seguito nervosamente il match, mentre Damiano Paletta ha vissuto uno di quei pomeriggi simili a quando il suo Cosenza dettava legge. Più distanti anche altri uomini di calcio, dall’agente di Fornito Francesco Gallina all’ex allenatore della Vigor Lamezia Massimo Costantino. Tornando al confronto sugli spalti tra le opposte fazioni, i tifosi reggini (come i loro amici catanzaresi) non hanno trovato di meglio che insultare Padre Fedele con uno striscione già proposto 15 anni fa. Anche loro (come i loro amici catanzaresi) sono stati ripetitivi. Gli Ultrà Cosenza, però, non potevano toppare questo confronto e l’hanno vinto. Onorando Piero Romeo che avrebbe cantato insieme a loro, così come hanno fatto Canaletta e Uccello: due che quando salgono “sui ferri” si sente. Avanti Cosenza, fino alla vittoria.
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts