Tutte 728×90
Tutte 728×90

Roselli e la filosofia retrò

– l’editoriale di Piero Bria – 
Al tecnico del Cosenza, a parte le critiche che gli si possono muovore, va dato atto di non aver mai perso la bussola: non ci possiamo proprio lamentare. Mai come oggi i rossoblù sono ad un passo dall’obiettivo di inizio stagione.
roselli festeggia dopo materaRoselli festeggia dopo la fine della partita col Matera una fetta di salvezza (foto mannarino)

A parte le critiche che si possono muovere all’indirizzo del tecnico umbro Giorgio Roselli (tra tutte la costante esclusione del giovane Fornito) gli va dato atto di non aver mai perso la bussola. Probabilmente, ci fosse stato un altro allenatore non sarebbe riuscito a gestire in questa maniera un gruppo che, è giusto dirlo, è andato in difficoltà più e più volte. Invece, con il suo rigore e la sua filosofia un po’ retrò è riuscito a prendere per mano una squadra che aveva bisogno di certezze. Chiariamo un concetto: il Cosenza non ha un gioco definito. Ma poco importa visto che il campo, ad oggi, vede i silani in una posizione di classifica più consona agli obiettivi fissati quest’estate, specialmente dopo il ko del Messina a Lamezia. Dopo le vicissitudini di inizio campionato c’era bisogno di ordine in campo e quella disciplina che mancava in giocatori come Calderini e Tortolano. Bisognava fare poche cose e ripartire da quei minimi concetti che rendono il calcio, a volte, una scienza semplice e quantomai produttiva. Badare al sodo è stato un concetto sul quale si è basato sin da subito Roselli. Ed ha avuto ampiamente ragione. Del resto, non puoi pensare di sederti in una utilitaria guidandola come una Ferrari. E partendo da questi semplici concetti il tecnico umbro ha gestito il gruppo cercando di disegnare una strada dritta ed evitando sbandate che potessero distruggere carrozzeria e motore. Certo, la parentesi di Catanzaro è difficile da digerire. Ma seppur col finestrino rotto e forte vento nell’abitacolo i silani sono riusciti a proseguire la marcia inanellando risultati positivi utili a rianimare l’animo anche di quei tifosi scettici e molto critici. Ecco, a volte il retrò torna di moda e rende l’idea di come le cose semplici ti consentano di ottenere risultati idonei alla maturità. Se a questo aggiungiamo la finale di Coppa Italia conquistata, beh non ci possiamo proprio lamentare.
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it