Cosenza Calcio

Ravaglia a Tedeschi: “Leva quei baffi”. E lui: “Come mi fai inc. quando urli in campo cose senza senso!”

Intervista doppia ai due calciatori del Cosenza che domenica taglieranno il traguardo delle 200 presenze tra i professionisti: “Da qualche settimana stavamo facendo il count-down per il match con il Lecce”.
ravaglia-tedeschi selfie
Il selfie di Ravaglia e Tedeschi durante il viaggio per una trasferta dei Lupi

Sono amici e si frequentano anche lontano dal San Vito. In comune hanno tante cose, come l’appartenere entrambi alla scuderia del Parma. Ravaglia e Tedeschi sono due tra le note maggiormente positive del Cosenza targato Mauro Meluso e domenica insieme raggiungeranno il traguardo delle 200 presenze tra i professionisti, playoff e playout esclusi. Hanno accettato di realizzare un’intervista doppia dove non se le sono affatto mandate a dire…
Raggiungerai le 200 presenze domenica, ricordi la tua prima partita da bambino?

R: L’ho giocata nel mio quartiere a Forlì. Era un torneo Pulcini e vestivo la maglia del Pianta. Parai due rigori e vincemmo: fu il consolidamento del mio ruolo. Quei rigori neutralizzati mi trasmisero la voglia di indossare dei guanti e una divisa tutta mia.
T: Ricordo che ho perso! Una sconfitta anche pesante, però mi sono divertito lo stesso.
Decisamente più recente è l’esordio tra i professionisti…
R: Avvenne a 18 anni in Serie B con il Cesena. Di contro c’era il Verona. Mi segnò Ferrante, era a fine carriera nel 2006-2007 mentre io iniziavo proprio allora.
T: Inter-Bologna, stadio San Siro ore 20,45. Tutto molto veloce. Entrai a 5 minuti dalla fine per l’infortunio di Petruzzi. Ricordo che Mazzone prima di entrare mi chiese se preferissi stare al centro o a destra. Ma io, che non mi aspettavo neanche di esordire quella sera, mi sarei adattato in qualunque posizione!
E quindi, la prima col Cosenza…
R: A Salerno disputammo una grande partita in uno stadio accattivante come l’Arechi. Da subito ci cimentammo in un torneo molto bello e difficile dove la qualità della squadra è sotto gli occhi di tutti.
T: Anche a Salerno sono subentrato nel finale per l’espulsione di Ciancio. Ormai sono abituato a farmi trovare pronto all’occorrenza. Però è stato molto bello, sia per la cornice di pubblico sia per il risultato positivo che abbiamo strappato.
Da quanto tempo facevate il count-down per le 200 presenze?
R: Sinceramente da poco. Ho controllato quasi per caso e un mio amico di Cesena mi ha rammentato la cosa… Pertanto saranno 5-6 partite che ho iniziato ad intravedere la bandiera a scacchi.
T: Ad inizio campionato sapevo che quest’anno avrei potuto tagliare il traguardo ma servivano un bel po’ di presenze. Un paio di settimane fa mi è venuto in mente di andare a controllare i conteggi ed oggi eccoci qui.
I vostri compagni dicono che siete tirchi, ma almeno i pasticcini lunedì prossimo li porterete nello spogliatoio?
R: Sì, ma pasticcini biologici che costano meno.
T: Vedremo questa volta di offrire qualcosa…
Salvezza ad un passo, chi ha più meriti?
R: Sicuramente ha più merito Luca.
T: E’ merito mio!
Chi è più ruffiano dei due con l’allenatore?
R: Tedeschi assolutamente.
T: Secondo me nessuno dei due ha questa caratteristica.
Vi siete mai arrabbiati in campo l’uno con l’altro? E perché?
R: Analizziamo sempre le situazioni di gioco. Discutiamo spesso anche durante le gare e questa è la nostra forza. Nell’errore di uno dei due riusciamo a mantenere la giusta concentrazione.
T: Ravaglia errori non ne fa: è uno Spiderman! Però mi fa incazzare quando durante la partita mi urla contro cose senza senso.
Diteci un pregio e un difetto del vostro compagno.
R: Luca è un ragazzo molto generoso, ma ha un difetto che si ostina a non eliminare. Mantiene i baffi e sta davvero male: è inutile, non vuole capirlo.
T: Il migliore pregio è che parliamo di un ragazzo estremamente riconoscente nei confronti delle persone a cui vuole bene. Il difetto? E’ incapace di organizzare i viaggi per tornare a casa e così ogni volta tocca a me prenotare anche per lui.
Rinnoverete il contratto col Cosenza?
R: Io sono del Parma per altri due anni. I ducali stanno vivendo delle ore molto tristi: spero e mi auguro che non accada a più nessuno, anche se in Lega Pro quando succede non interviene nessuno. A Cosenza mi trovo molto bene, di certo non dipende solo da me l’eventuale permanenza. Questi mesi sono volati e l’esperienza è stata molto positiva.
T: Al momento non mi è stato ancora proposto. Per ora non ci penso, come non penso neanche a guardarmi intorno. Mi sto godendo questa stagione cercando di tirare fuori il meglio di me. Sono sereno perché so che, così facendo, il resto verrà da sé.
Dì al tuo compagno qualcosa che non gli hai mai detto e che leggerà su CosenzaChannel.
R: Luca, se nessuno ti regala un rasoio lo faccio io, perché in Riviera in questo modo non ti puoi presentare mica!
T: Nicola, cambia vestiti e brucia tutte le tute! Ah, un’altra cosa: smettila di fare le smorfie quando fai i selfie!
Saluta come preferisci i tifosi e manda un sms a Guarascio, cosa diresti?
R: Al presidente che continui a starci vicino come ha sempre fatto perché c’è bisogno del suo sostegno. Ai tifosi li saluto in cosentino… Ciao Cumpà, a domenica!
T: Grazie presidente e che i tifosi tornino uniti!
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina