Tutte 728×90
Tutte 728×90

Vigor Lamezia-Cosenza: le pagelle

Vigor Lamezia-Cosenza: le pagelle

Ravaglia straordinario nel primo tempo con due interventi prodigiosi su Improta e Scarsella. Centrocampo dinamico nella prima mezzora. Fondamentali gli ingressi di Fornito e Calderini che sigla il blitz.
calderini con vigorrr
Il Cosenza gioca un derby ad intermittenza. Nella prima mezzora ha in mano il pallino del gioco, poi lascio spazio ai cross di Rapisarda e Malerba rischiando qualcosina. Precisazione doverosa: si gioca per un tempo al D’Ippolito di Lamezia. Nella ripresa, infatti, anche il pubblico spazientito fischia convinto di assistere ad un pari già scritto. E invece arrivan tre punti pesantissimi al Cosenza che significano salvezza certa.
RAVAGLIA: VOTO 7. Inoperoso per mezzora. Poi Improta lo scalda con un destro all’incrocio dei pali che viene deviato in angolo con un gran colpo di reni. Si ripete un minuto dopo su Scarsella.
CORSI: VOTO 6,5. Gioca con i tempi giusti e, quando può, si propone con efficacia. Commette un errore nel primo tempo quando sbaglia un appoggio in ripartenza che poteva costare caro ma i compagni di reparto evitano il peggio.
CIANCIO: VOTO 6,5. Controlla Del Sante e Papa che dalle sue parti provano a fare il bello e cattivo tempo. Poi, soffre le avanzate di Rapisarda. Nella ripresa riesce a sfondare in una circostanza ma non trova in Cori il cecchino implacabile.
TEDESCHI: VOTO 7. Controlla il suo dirimpettaio con ordine. Insieme a Carrieri non lascia sbocchi centrali a dimostrazione di un’intesa che cresce di domenica in domenica.
CARRIERI: VOTO 7. Rischia ad inizio gara quando prova ad accelerare i ritmi regalando palla ad Improta. Per il resto impeccabile nel gioco aereo e nelle chiusure sui traversoni centrali. Si lascia saltare solo una volta, alla mezzora del secondo tempo, da Del Sante che non riesce ad approfittarne.
ARRIGONI: VOTO 6,5. Fa da scudo alla difesa in maniera egregia. Nessuna sbavatura. 
CACCETTA: VOTO 7. Buon filtro nella prima mezzora. Poi arretra il raggio d’azione ed è costretto a girare a vuoto. Sfiora il gol su angolo di Arrigoni ad inizio ripresa. Rischia al 19’st quando, già ammonito, commette fallo su Rapisarda e l’arbitro sorvola.
CRIACO: VOTO 6,5. Attivo nella prima mezzora. Poi, come Statella cala d’intensità e lascia spazio sulla sua fascia. Nella ripresa riprendere a giocare con più intensità e fa di sicuro meglio rispetto all’esterno opposto della squadra di Roselli.
STATELLA: VOTO 5,5. Parte bene e poi scompare nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo, ossia quando Rapisarda inizia a spingere con maggiore insistenza. Nella ripresa tocca il suo primo pallone dopo venti minuti.
CESCA: VOTO 6. Va vicino al gol al 12′ sfruttando i suoi centimetri sugli sviluppi di un angolo. Fa buon gioco di sponda e fa molto lavoro sporco per la squadra.
DE ANGELIS: VOTO 6. Svaria su tutto il fronte d’attacco. La Vigor lo martella e gli sta incollato. Lui soffre ma comunque cerca lo spazio per proporsi.

ALL. ROSELLI: VOTO 7. Il suo Cosenza inizia col piglio giusto e nella prima mezzora detta i ritmi del gioco. Poi soffre, soprattutto sui calci piazzati con Ravaglia costretto agli straordinari. Nella ripresa, visto il torpore generale, sono fondamentali le sostituzione con Fornito che colpisce il palo e Calderini che è lesto a ribadire in rete. Tre punti che valgono una salvezza.

Subentrati
CORI: VOTO 6. Ritorna a lottare dopo sei turni di squalifica. E già questo è una buona notizia. Gli servono due minuti per poter far male sul cross di Ciancio. Peccato che ci sia poca cattiveria.
FORNITO: VOTO 6,5. Ormai relegato a seconda scelta. Roselli ha detto di lui che è un centrale di centrocampo, eppure viene utilizzato da esterno. Lo si vede poco ma è lui che calcia sul palo e consente a Calderini di disturbare Rapisarda sulla ribattuta per la rete del vantaggio.
CALDERINI: VOTO 7 Pochi minuti e decide il match. E’ suo il gol che vale la salvezza dei silani. Fondamentale

ARB. RANALDI DI TIVOLI: VOTO 6,5. Giusta l’ammonizione a Caccetta. Nella ripresa sbaglia a valutare falloso un intervento di Cesca in area avversaria visto che Rapisarda finisce a terra a causa di uno scontro con il suo compagno Filosa. Di sicuro i bassi ritmi della ripresa lo aiutano a condurre in porto una gara senza infamia e senza lode.

VIGOR LAMEZIA: Piacenti 6; Rapisarda 6,5, Gattari 5,5, Filosa 5,5, Malerba 6; Papa 5,5, Battaglia 5,5, Scarsella 6; Improta 6, Del Sante 5, Montella 5,5. Dalla panchina: Spirito 6, Puccio 6, Held sv. All. Erra 5,5
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts