Tutte 728×90
Tutte 728×90

Guarascio: “Programmare per diventare punto di riferimento in Calabria”

Guarascio: “Programmare per diventare punto di riferimento in Calabria”

Il patron ammette: “Ci metteremo d’accordo con i tifosi per una campagna abbonamenti come si faceva una volta. I tifosi rappresentano il dodicesimo uomo e io vorrei che rappresentano l’azionista di riferimento”.
guarascio col beneventoIl presidente Eugenio Guarascio in campo prima di Cosenza-Benevento (foto mannarino)
Il presidente Eugenio Guarascio è intervenuto su Radio Sound parlando a ridosso del fischio finale di Cosenza-Benevento. Il patron ha parlato di presente e futuro affermando. “Sono soddisfatto perché all’inizio c’eravamo dati un solo obiettivo: la salvezza. E l’abbiamo raggiunta con ampio anticipo. Poi abbiamo impreziosito la nostra stagione con una Coppa Italia di Lega Pro che per noi è un orgoglio e deve esserlo per tutta la Calabria”. Poi si inizia a parlare di futuro. “Programmare per il futuro senza fare voli pindarici. In passato abbiamo visto che quando ci si da obiettivi ambiziosi si rischia visto che sono momenti difficili”. Capitolo tifosi. “Ci metteremo d’accordo con i tifosi per una campagna abbonamenti come si faceva una volta. I tifosi rappresentano il dodicesimo uomo e io vorrei che rappresentano l’azionista di riferimento. Certo, non è che dicendo ai tifosi fesserie li porti allo stadio. E’ chiaro che va fatto un ragionamento diverso. Penso a Sportube che vuoi o non vuoi ha danneggiato noi e tutte le squadre. Quanto abbiamo preso dai diritti tv? Nulla vi assicuro”. Capitolo giovanili. “Oggi avevamo tre ragazzi in panchina di cui uno doveva entrare, poi la gara è andata come è andata. Patania, di cui mi fido ciecamente, mi ha informato che ci sono ragazzi di prospettiva. Noi, credetemi, ci stiamo impegnando anche per il futuro. Cosenza sarà il punto di riferimento per tutta la Calabria”. (c.c.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it