Tutte 728×90
Tutte 728×90

A Cosenza c’è un nuovo sogno da realizzare. La Brutium è di nuovo in finale

A Cosenza c’è un nuovo sogno da realizzare. La Brutium è di nuovo in finale

Ieri in 250 hanno sostenuto la squadra ad Acri, esultando al gol di Attanasio in zona Cesarini; adesso a Schiavonea si prevede un massiccio afflusso di supporter. In ballo c’è il salto di categoria in Promozione.
brutium ad acriIl tifo del Brutium in trasferta ad Acri con il gruppo “Anni Ottanta”
La Brutium Cosenza torna a far parlare di sé e lo fa strappando meritatamente titoloni sui giornali per il solito grande seguito di tifosi e perché sul campo ha conquistato un’altra finale playoff. E’ la quarta stagione di fila che i rossoblù riescono a centrare la post-season, ma se nelle prime due occasioni arrivando in fondo agli spareggi sono stati poi ammessi alla categoria superiore a prescindere dall’esito sul campo, ora tutti sperano che non ci sia due…senza tre! A margine di un campionato di Prima Categoria condotto da matricola tra alti e bassi e caratterizzato dalla lunga serie di infortuni che ha ridotto al lumicino una rosa ben attrezzata, all’ultima giornata la squadra fondata nel 2011 dagli ultras della Curva Nord ha staccato il pass per la fase successiva. Aver giocato per larghi tratti del torneo senza Martire, leader indiscusso del gruppo e uomo in più della formazione di Nocito e Sena, non ha aiutato i Lupacchiotti a mantenersi nelle primissime posizioni. Altre defezioni importanti sono quelle del centrocampista Spinelli, del bomber Daniele e del difensore centrale Napolitano, figlio della bandiera del 1914 Ugo. Fatto sta che ieri, ad Acri contro l’Olympic, è andata in scena una partita al cardiopalmo. Contro i favori del pronostico (tre settimane fa infatti i biancazzurri si erano imposti per 3-1, ndr), la Brutium ha guadagnato la finale grazie ad un gol di Attanasio a soli nove minuti dalla fine. Questo senza considerare il largo recupero concesso dalla signora Molinari di Lamezia (sette minuti dovuti a due rossi rifilati ai rossoblù, ndr), autrice di un arbitraggio più che sufficiente. C’è da segnalare che si è trattato anche del primo match della storia della Brutium disputato alla presenza di una vera terna arbitrale, con tanto di collaboratori di linea. Sugli spalti il seguito dei fan rossoblù è stato cospicuo, più di 200 supporter affiancati dal gruppo leader della Tribuna A del San Vito “Anni Ottanta” e dai ragazzi di Santa Sofia d’Epiro. Tifo costante e fumogenata vecchio stile hanno accompagnato la Brutium in finale. Domenica prossima l’appuntamento è per le ore 16 presso lo stadio “Ad Nives” di Schiavonea contro i padroni di casa a cui basta un pareggio a margine dei 120′. I rossoblù si giocheranno l’accesso allo spareggio per il salto in Promozione. Si prevede un afflusso di quasi 300 tifosi: con il Cosenza Calcio già in vacanza, è ugualmente tempo di mobilitazione.
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts