Tutte 728×90
Tutte 728×90

Statuto: “Cosenza, sono in debito e ti consiglio quattro nomi per il mercato”

Statuto: “Cosenza, sono in debito e ti consiglio quattro nomi per il mercato”

L’ex centrocampista del Cosenza di Silipo, a Rende per la Juniores Cup, si dice contento di essere ritornato e consiglia al diesse Meluso alcuni giocatori interessanti.
statuto
Un ex Cosenza alla Juniores Cup, stiamo parlando del selezionatore della Juniores della Lega Nazionale Dilettanti del girone G, Francesco Statuto. Giocatore di spicco del Cosenza nella stagione 1992/1993 che sfiorò la Serie A.
Che effetto le fa essere di nuovo a Cosenza? Era già tornato altre volte?
Ero venuto a giocare già due volte in Serie B col Piacenza e poi contro il Rende nell’ultimo anno di carriera quando militavo nel Viterbo. L’ho ritrovata molto cambiata. Prima Rende era un paesino ora è diventata una bella metropoli. Sono stato contento di averla trovata molto curata.
Il suo nome è legato ad una stagione positiva con Silipo in B. Che ricordi ha?
Era il mio secondo anno di Serie B e dopo quell’esperienza ho raggiunto la Serie A in quel di Udine. Una bellissima esperienza sia a livello professionale che umano poiché sono rimasto legato a parecchi ex compagni di squadra
Quella stagione rimarrà indelebile con la Serie A sfumata per poco…
Probabilmente ci è mancata un po’ di esperienza. Eravamo un gruppo molto giovane. Oltre a me ricordo Balleri, Negri, tutti giocatori che poi hanno raggiunto i massimi livelli. Ma nel 1992/’93 ci è solo mancata, ripeto, un po’ di esperienza per vincere quel campionato.
Esattamente nel maggio di 22 anni fa si disputarono due gare casalinghe contro Cremonese e Ascoli davanti a 20mila spettatori. Cosa ricorda?
Ricordo tanta emozione, ero giovane e sembrava tutto più amplificato. Ricordo il calore del pubblico molto forte. Quando parlo del Cosenza ricordo sempre l’affetto della tifoseria. Non solo a Cosenza ma anche nelle partite in trasferta come Pisa e Andria.
Era un grande Cosenza quello. Adesso la dirigenza vorrebbe far ritornare il club bruzio in alto. Ha avuto modo di seguire la storia recente dei Lupi?
Lo seguo da un po’, da quando c’era Mimmo Toscano. Mi fa piacere che la dirigenza voglia ambire a traguardi importanti. Spero che un giorno riesca ad arrivare addirittura in Serie A.
In questi giorni il ds Meluso e il responsabile del settore giovanile Patania hanno seguito la Juniores Cup. Lei quali nomi consiglia?
Io consiglierei 4/5 nomi. Quando ho iniziato questa avventura non mi aspettavo la presenza di tanti ragazzi con molte qualità. I nomi che posso fare sono Lombardo, Marcantonio, Fraschetti, Argento ma ce ne sono molti altri. Chi ha visto la partita di oggi con attenzione ha potuto notare che questi giocatori hanno qualcosa in più.
Quando la rivedremo a Cosenza?
Non lo so (ride, ndr). Sono rimasto molto legato alla città e mi sento ancora in debito. Nella vita non si può mai dire.
Francesco Pellicori

Related posts