Tutte 728×90
Tutte 728×90

Brutium, sogno svanito… ma non del tutto

Lo spareggio se lo aggiudica la Silana che vince 2-0 davanti a quasi 400 sostenitori della Brutium. Sugli spalti grande tifo degli rossoblù che hanno anche osservato 10′ di silenzio per un ultras scomparso.
brutium ad acri spareggioI Lupi della Brutium che “ululano alla nuova alba del calcio” (foto Spina)
Il sogno della Brutium termina all’ultima curva. Lo spareggio contro la Silana non ha dato gli esiti sperati per gli ultras della Curva Nord che comunque hanno sostenuto con grande tifo i loro beniamini dal settore riservatogli nello stadio di Acri. Ad inizio match hanno osservato 10′ di silenzio in memoria di Enrico Cava, ultras scomparso di recente, poi una mega fumogenata e lo striscione “The wolves howl at the sunrise: the new sunrise of football“. I biancazzurri si sono imposti con il punteggio di 2-0, ma i Lupacchiotti non hanno demeritato per nulla. Anzi, al cospetto della numerosa presenza di sostenitori della Brutium (circa 350) alla fine hanno ricevuto gli applausi di tutto lo stadio in un clima di grande fair-play. In campo la gara è stata molto combattuta sin dalle prime battute. Partono bene gli uomini di Sena e Nocita che con il loro uomo migliore si rendono subito pericolosi. Martire, però, al 16′ spara sopra la traversa. La risposta è immediata. Spadafora salta secco Viteritti ed entra in aria. Il tiro è potente, preciso e serve il miglior Gardi per dire di no al tentativo avversario. Il pipelet si supera sulla ribattuta di Casciaro che sbaglia così la più facile delle occasioni. Dopo le due sfuriate entrambe le formazioni tornano a studiarsi e fino al break succede poco o niente. La ripresa ha il marchio di fabbrica della Silana. Prima Spadafora timbra la traversa con un pregevole pallonetto, poi porta in vantaggio i suoi. E’ il 22′, infatti, quando il baby del ’94 trova spazio sulla destra e con un tiro a giro beffa il pipelet rossoblù. Conquistato il vantaggio, cresce la tensione e gli animi si surriscaldano. Ne fanno le spese Del Morgine e Martire che vengono espulsi dopo essere venuti a contatto. La Brutium, con le pile scariche, non riesce ad organizzare una controffensiva ed incassa il gol del ko al 42′: merito di Casciaro che blinda il salto di categoria in Promozione per i suoi compagni. Nonostante la delusione per lo spareggio perso, tuttavia, i Lupacchiotti non si danno per vinti e sono consapevoli che in caso di posto vacante in Promozione (cosa molto probabile), sarebbero loro a far festa in quanto vincitori dei playoff del girone A di Prima Categoria. (Salvatore Mannarino)

SILANA: De Gennaro, Talarico, Ant. Spadafora, Del Morgine, Iaquinta I, Iaquinta II, And. Spadafora, De Gennaro, Casciaro (47′ st Danti), Gagliardi (42′ st T. Spadafora), Romano (22′ st Mancina). A disp.: Mosca, Carida, De Marco, D. Benincasa. All.: Del Morgine
BRUTIUM: Gardi, Basta, Viteritti, Mignolo (35′ st Spinelli), Ponzio, Vommaro (35′ st Presta), Martire, Attanasio, De Rose, Caruso, Principato. A disp.: Gaudio, Giudice, Di Maria, Scarlato, Daniele. All.: Sena-Nocito
ARBITRO: Rispoli di Locri
MARCATORI: 22′ st Spadafora, 42′ st Casciaro
NOTE: Spettatori circa 500 di cui almeno 350 di fede rossoblù. Espulsi al 29′ st Martire (B) e Del Morgine (S) per comportamento non regolamentare. Ammoniti: Spadafora (S), Iaquinta I (S), Mignolo (B), Casciaro (S), Romano (S). Angoli: 4-1 per la Silana. Recupero: 1′ pt e 7′ st
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it