Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, la dura realtà del mercato. Ma i playoff restano possibili

Cosenza, la dura realtà del mercato. Ma i playoff restano possibili

Alessandria, Pavia, Cremonese, Reggiana, Ascoli, Casertana (che vuole Tedeschi) e Matera stanno sbaragliando la concorrenza: prenderanno tutti i big. Il girone C, tuttavia, avrà soltanto due top-club… 
meluso e guarascio coniMeluso e Guarascio fianco a fianco durante una manifestazione del Coni
Per il Cosenza si stanno palesando una serie di difficoltà, concrete, nel raggiungere degli accordi con quei calciatori di una certa esperienza in grado di infiammare la piazza. Questo perché alcune società, ambiziose al punto da progettare il salto di categoria diretto, stanno prospettando ingaggi e contratti con cui Via degli Stadi non vuole competere. A farla da padrone sono sicuramente Alessandria e Pavia. I piemontesi sono probabilmente quelli che stanno meglio e si apprestano a vivere un mercato roboante (Di Carmine non è solo un sogno). La proprietà cinese del Pavia, invece, non fa mistero di voler condurre al più presto i biancazzurri in Serie B ed ha annunciato che il club sarà quotato in Borsa ad Hong Kong. Le ultime operazioni concluse (Cristini, La Camera, Del Sante e Bellazzini) e quelle che a breve verranno definite (Arrighini che piace al Cosenza finirà in Lombardia pagato a peso d’oro) danno l’idea della potenza economica della società. La Cremonese, che ha perso l’allenatore Giampaolo accasatosi in A ad Empoli, sta lavorando sotto traccia ma le velleità sono le stesse dell’ultimo campionato così come per il Bassano che ha ammesso di provare la strada del ripescaggio. A pochi chilometri la Reggiana è decisa a tornare ai fasti di un tempo e sta creando i presupposti per allestire un organico importante. Se l’Entella non dovesse tornare in B, ci sarebbe già una candidata (con le finanze che farebbero invidia perfino a qualcuno in A) per la promozione. Che dire, inoltre dell’Ascoli? Con la presidenza italo-canadese la musica è cambiata e il Del Duca è diventato una metà delle più ambite della terza serie nazionale. Rotolando verso sud, infine, Casertana e Matera sembrano fuori competizione e destinate a disputare un torneo a parte. Con il disimpegno dei Vigorito a Benevento e le difficoltà della Juve Stabia, anche il Lecce è ancora alle prese con un cambio di proprietà. In questo quadro, si staglia il Cosenza per cui l’effetto-Coppa Italia sembra svanito. Meluso ha sondato finora decine e decine di calciatori, alcuni anche di un certo spessore come Bocalon o Ferretti (a proposito, il Pavia lo darà in prestito in Cina a cifre fuori mercato, ndr), ma si è scontrato inevitabilmente con la realtà dei fatti: impossibile competere a giugno con gli squadroni citati più su: last-minute ad agosto forse cambierà qualcosa. Anche sui rinnovi per CiancioTedeschi, pedina appetibile e apprezzata ad ogni latitudine, i nodi sono venuti al pettine. Situazioni congelate e, guarda caso, Casertana che si è aggiunta alla lista delle pretendenti per lo stopper. Il girone del Cosenza, tuttavia, non si annuncia ricco di compagini battagliere, motivo per cui potrebbero bastare delle scelte azzeccate, anche low-cost, per ritrovarsi magicamente a disputare i playoff.
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it