Tutte 728×90
Tutte 728×90

Giorno storico per la Lega Pro: si è dimesso Macalli

Giorno storico per la Lega Pro: si è dimesso Macalli

L’ormai ex presidente: “Ho chiuso con il calcio, volevo già farlo prima. In me non c’è nessuna delusione, ho tante società che fanno parte di questo campionato, molto virtuose e amiche”.
macalli okMario Macalli è stato il Presidente della Lega Pro per tantissimi anni
Mario Macalli ha rassegnato le dimissioni da presidente della Lega Pro. Con lui si è dimesso tutto il consiglio direttivo. Una decisione che segue di qualche giorno la bocciatura da parte dell’assemblea di Lega Pro del bilancio della stagione 2013/14 con 38 club contrari su 69 votanti. Si era trattato della seconda bocciatura consecutiva dopo quella di fine anno. A questo punto iniziano a prendere consistenza le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, che aveva ipotizzato un commissariamento della Lega Pro. “Le dimissioni? Se c’è la convinzione che qualcosa non quadra è meglio farsi da parte. In me non c’è nessuna delusione, ho tante società che fanno parte di questo campionato, molto virtuose e amiche. Non ho problemi di numeri, i problemi nascono quando si prendono ordini a pagamento”, spiega Mario Macalli, motivando così la sua decisione. “Il discorso è che forse questo è un mondo cambiato, chi governa deve sempre lasciare spazio ad altri che non governano. Oggi ho letto cose che sono allucinanti…”, prosegue, riferendosi al no della Figc ad accettare una fideiussione unica a garanzia delle 60 società di Lega Pro anzichè una fideiussione per società. “E’ il no di personaggi squallidi, ma non pensino di non rendere conto di questo – conclude -. Lo faranno nelle sedi giuste. Noi non facciamo finanza creativa, non ci sono garanzie più idonee e regolari di quelle che abbiamo offerto e infatti verranno approvate”. Intanto martedì il consiglio federale della Figc dovrà nominare un commissario che porterà la Lega Pro a nuove elezioni, anche se Macalli esclude la possibilità di ricandidarsi: “Non siamo mica matti. Ho fatto per tanti anni il mio lavoro all’interno dell’istituzione, quasi ad esaurimento fisico. Non sono mai andato a chinare la testa di fronte a nessuno. Se ho chiuso con il calcio? Sì. Volevo farlo prima e ho dei rimorsi. Ma quando si ha un impegno bisogna portarlo avanti”. “Nella vita abbiamo delle priorità, in questo momento le mie non hanno nulla a che vedere con il calcio. Devo dare il valore alle cose cui sono più affezionato. Specialmente con questo calcio in Italia”. Il vice presidente della Figc era stato inibito dalla Federcalcio fino al 31 agosto per il caso legato ai marchi del Pergocrema, sentenza confermata anche dal Collegio di garanzia del Coni. “La sentenza la rispetto anche se non mi trovo d’accordo e ricordo che la Cassazione per quella vicenda mi ha assolto”, ha concluso Macalli. (repubblica.it)
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it