Tutte 728×90
Tutte 728×90

Roselli e gli attaccanti: quando la felicità è questione di altezza

Roselli e gli attaccanti: quando la felicità è questione di altezza

Il tecnico del Cosenza ha sempre avuto almeno un centravanti di almeno 185 centimetri in rosa: Prisciandaro con lui segnò 46 gol in due anni a Cremona. Ma anche Fabbro e gli altri raramente hanno tradito.
roselli primissimo pianoGiorgio Roselli non riesce a fare a meno dell’attaccante centrale (foto mannarino)
Prisciandaro, Dall’Acqua, Del Sante, Anastasi, Fabbro, Falconieri, Beretta, Romero, Cesca, Cori e La Mantia. Cos’hanno in comune questi 11 attaccanti? Ben due cose. La prima è essere tutti quanti alti almeno 185 cm. La seconda è che, ognuno di loro è stato (o sarà nel caso di La Mantia), allenato da Giorgio Roselli. Eh si, l’attaccante alto è imprescindibile per il gioco dell’allenatore umbro. L’arrivo di Andrea La Mantia al Cosenza lo conferma. L’attaccante nato a Marino, con i suoi 190 centimetri, va a sostituire in rosa il partente Sacha Cori alto soltanto un centimetro in meno. Se dovesse arrivare la conferma di Cesca (188 cm) o se si dovesse scegliere un altro centravanti boa, ecco che anche quest’anno il Cosenza avrà in rosa due lunghi in attacco. La passione di Roselli per questo tipo di calciatori inizia da lontano. Siamo a Cremona, estate 2003. La Cremo, finita addirittura in C2, ha da poco cambiato proprietario. Lo storico presidente Domenico Luzzara vende la società a Graziano Triboldi, il quale affida la presidenza all’ex difensore grigio-rosso Luigi Gualco che, dopo l’anno con Maselli, dove la squadra non arriva nemmeno ai play-off, nell’estate del 2003 chiama Roselli. La città è in rivolta. Serve un nome di grido. Un calciatore capace di esaltare l’ambiente depresso di Cremona. Gualco e Roselli decidono che ci vuole un grande attaccante. Grande in tutti i sensi perché la scelta finale è tra Giorgio Corona (188 cm), 29 anni e capocannoniere della C2 con il Brindisi, e Gioacchino Prisciandaro (186 cm), 33 anni che, dopo una vita a spaccar porte nei campi polverosi di periferia, ha appena portato a suon di gol il Martina Franca ad una storica finale play-off per la B, persa contro il Pescara. Prendono Prisciandaro e sarà amore a prima vista. L’attaccante pugliese segna gol a grappoli e Cremona lo trasforma in Jack Lo Squartaporte: 28 gol il primo anno e 18 il secondo con la Cremo che vince due campionati di fila e si ritrova in Serie B, dove però la favola finisce: Roselli esonerato ad Ottobre e Prisciandaro che torna in D a Gennaio.
L’allenatore umbro riparte l’estate 2007 da Grosseto in serie B. Durerà solo 3 partite ma nel suo attacco c’è spazio per Stefano Dall’Acqua (191 cm) che però non ripagherà la fiducia iniziale. Dopo la parentesi di Bassano, Roselli va a Lecco, di nuovo in C2. Siamo nel 2010 e le chiavi dell’attacco vengono affidate a Filippo Fabbro (187 cm), che ricambierà con 13 gol. In rosa però anche Valerio Anastasi (191 cm) che a Gennaio lascia il posto a Stefano Del Sante (187 cm). Un lungo per un altro pronto a dar manforte a Fabbro. Altro giro e altra corsa e dopo Lecco, ecco il Pavia in C1 nel 2012 e, anche qui, Roselli non si smentisce. Il capocannoniere della squadra è Giacomo Beretta, scuola Milan, 185 cm e 10 gol. La sua alternativa è Alessandro Cesca. A Gennaio però serve un ulteriore rinforzo nel reparto avanzato ed ecco che arriva dal Savona Niccolò Romero, il recordman della compagnia, alto ben 2 metri esatti. Gennaio 2014 Roselli va a Gubbio per sostituire Bucchi. Negli umbri c’è già Vito Falconieri (185 cm), che con Roselli è quasi sempre titolare al centro dell’attacco e che a fine anno ne segna 5.
Ed eccoci a Cosenza, quando il primo rinforzo dopo l’approdo in riva al Crati il 28 Ottobre scorso è proprio lo svincolato Cesca. Da lì a fine anno, uno tra lui e Cori ci sarà sempre nella prima linea rossoblù. Ora è il turno di La Mantia. Con la speranza che il Cosenza possa ritrovare nell’ariete romano, il suo nuovo attaccante di riferimento. Roselli ci crede. La felicità a volte, può davvero essere questione di altezza… (Alessandro Storino)
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it