Tutte 728×90
Tutte 728×90

Nuovo colpo del Cosenza Futsal. Preso Bassani

Nuovo colpo del Cosenza Futsal. Preso Bassani

Altro brasiliano alla corte del tecnico Cipolla che sottolinea: “Sono convinto possa darci un grande aiuto. E’ un elemento intelligente dotato di un ottimo passaggio nel centrare gli obiettivi prefissati”. 
bassanimichelMichel Bassani è il nuovo laterale del Futsal Cosenza. Arriva dal Matera
Non si ferma più il Cosenza Futsal e continua a raggiungere accordi su accordi. Dopo il comunicato relativo all’intesa con il main sponsor “San Vincenzo Salumi di Calabria”, la società è riuscita a chiudere per un altro importante elemento della prima squadra. Si tratta del sesto colpo dopo Marcelinho, Rotella, Gomes, Sanna e Moretti. Nella nota si legge dell’intasa raggiunta “con la Takler Matera, sulla base di un prestito oneroso fino al 30 giugno 2016, per il calcettista brasiliano Michel Bassani. Classe 1993 e mancino puro, il laterale carioca è cresciuto in patria tra le fila dell’Age prima di passare a difendere i colori del Città Sant’Angelo. Il trasferimento successivo lo ha visto andare alla Libertas Eraclea”. Come per ogni operazione di mercato, è stato il tecnico Francesco Cipolla ad agire in prima persona e i suoi buoni uffici hanno inciso molto sul buon esito della trattativa: “Ringraziamo il direttore sportivo Leonardo Todaro e la sua famiglia – spiega il trainer rossoblù – Dopo le operazioni relative a Taibi e Bavaresco che hanno contribuito alla vittoria dello scorso campionato, adesso si è rafforzato ulteriormente il rapporto professionale tra i due club. Bassani sono convinto possa darci un grande aiuto nel centrare gli obiettivi prefissati, specialmente facendo leva sulla sua voglia di riscatto”. Su chi solleva perplessità sulla giovane età del ragazzo italo-brasiliano, Cipolla spiega: “Non ho dubbi che avrà un minutaggio importante perché si tratta di un elemento intelligente dotato di un ottimo passaggio. Anche dal punto di vista tattico non ha nulla da invidiare ad altri suoi colleghi perché ha lavorato con allenatori del calibro di Tuoto e Bommino”.

Related posts