Tutte 728×90
Tutte 728×90

Roselli non ha dubbi: “Il Cosenza si sta preparando per un futuro importante”

Roselli non ha dubbi: “Il Cosenza si sta preparando per un futuro importante”

Il tecnico dei Lupi: “Mi piace questo tipo di programmazione, come sono felice che i più giovani vogliano “rubare” il posto ai calciatori esperti. Prenderemo un altro attaccante per completare il reparto”.
roselli brilloIl tecnico Giorgio Roselli durante la trasmissione Ritiro da Lupi in onda su Tv Sud
Giorgio Roselli sta lavorando per plasmare una squadra a sua immagine e somiglianza. Un Cosenza diverso da quello dello scorso campionato, dove l’impatto del tecnico umbro fu devastante soprattutto a livello psicologico. Riprese per i capelli una situazione compromessa e regalò grandi soddisfazioni nel girone di ritorno ai tifosi rossoblù. “Lorica è fantastica – ha detto ieri intervendo dal Brillo Parlante alla trasmissione Ritiro da Lupi – Ho fatto anche altri precampionati in altre belle località, ma questa mi ha stupito. I giocatori si riposano molto bene ed è l’ambiente ideale per fare la preparazione. Una volta si facevano dei lunghi ritiri molto pesanti, ora i lavori sono aumentati e sono diminuiti i giorni. Cerchiamo di dare una grande continuità al lavoro fisico”. Gli obiettivi dei silani sono diversi, l’asticella si è alzata inevitabilmente. “La società si sta preparando per un futuro importante perché oggettivamente in giro si vedono molte difficoltà mentre qui c’è una dirigenza seria. Il programma è biennale, quest’anno dobbiamo avvicinarci alle zone importanti per poi, la stagione dopo, lottare con le prime. Per costruire si devono fare investimenti e dare continuità al lavoro, senza fare cose folli. Abbiamo tenuto nove giocatori che fanno parte dello zoccolo duro, tesserando giocatori importanti. E’ ovvio che ci saranno squadre più forti, ma noi dovremo approfittare dei momenti di down dei club che ci sono sopra”. Le aspettative della città sono considerevoli e l’entusiasmo pian piano sta crescendo. “Ci sono delle piazze in cui c’è maggiore pressione, tra cui Cosenza: questa è la difficoltà vera. Volevamo tenere i giocatori che c’erano lo scorso anno, tra questi anche Ravaglia. Non è successo e ci dispiace. Attraverso il nostro preparatore Orlandi abbiamo seguito Perina e siamo riusciti a portarlo da noi perché è un ottimo portiere. Per quanto riguarda la difesa ci sono delle situazioni particolari ma sono molto contento della squadra che ho a disposizione. Dobbiamo migliorare tutti e i giovani dovranno farsi trovare pronti”. Il direttore sportivo Mauro Meluso ha pescato e bene nelle Primavere dei sodalizi di Serie A. “Sono stati scelti giovani che hanno ottime qualità. Passare dalle giovanili a questa categoria non è facile, ci vorrà un po’ di tempo per ambientarsi. Un giocatore deve migliorare gli altri, più che l’allenatore sono i compagni a influire sul livello della rosa. I nuovi si stanno integrando bene, ho visto anche che giocano tra di loro, vedo un bel clima e tutto questo mi fan ben sperare. Abbiamo ringiovanito molto l’organico e abbiamo deciso di voltare pagina per quanto riguarda l’attacco”. Sulla gara di Ascoli è chiaro. “Soprattutto all’inizio meglio che questi ragazzi capiscano come funziona e si accodino. Non dobbiamo metterli in difficoltà, centellinarli anche psicologicamente sarà il nostro impegno. Siamo molto felici di giocare in Tim Cup, sapevamo che avremmo giocato contro una squadra importante. La trasferta ci creerà qualche problemino, è un palcoscenico che ci fa piacere andare a calcare. Quello che dicono da Ascoli non è vero (preparazione meno pesante della squadra di Roselli rispetto a quella bianconera, ndr), anche noi abbiamo fatto una preparazione pesante. La bellezza di questo sport è la correttezza, quando leggiamo queste cose rimaniamo stupiti”. A sua disposizione ha una serie di elementi polivalenti come Pinna. “E’ abituato a giocare a sinistra, è un terzino a tutti gli effetti. Ha fisico, ha piede ed è un’idea di mercato venuta a me e al direttore Meluso. E’ un giocatore che può ricoprire anche il ruolo di centrale perché ha un buon tocco. Quest’anno abbiamo un giocatore in più anche per calciare le punizioni. La Mantia invece è ora che faccia un cambio di passo. Arrighini è fantastico, ha avuto problemi fisici nell’ultima stagione, speriamo possa riscattarsi perché noi abbiamo bisogno dei suoi gol. Se arriverà un’altra punta? Sì, vorrei un attaccante bravo. Non è un discorso di caratteristiche, ma di numero. Innocenti lo stiamo valutando e se rimarrà lui non ci sarà bisogno di nulla. Saremo al completo”. Chiusura dedicata a Fiordilino: “Vuole rubare il mestiere a chi è più grande, ruba con l’occhio, e questo mi piace molto”. (Emanuele Melfi)
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts