Cosenza Calcio

Il Cosenza è vivo e lotta insieme a noi. Per Guarascio monito d’estate

– di Antonio Clausi –
Il patron sta pensando di aumentare il costo dei tagliandi di Curva e Tribuna A a 12 e 15 euro: così  stupirebbe parte della tifoseria che proprio ieri ha trepidato per una grande partita dei Lupi. Roselli ha ottenuto le risposte che cercava e in attacco ha quattro assi in mano. 
arrigoni a vicenzaArrigoni, che oggi compie 27 anni, attaccato fallosamente al Menti di Vicenza (foto Trogu)
Ci sono sconfitte che non fanno male e che perversamente rafforzano il concetto di autostima di una squadra forte. Essere usciti a testa alta dal Menti, sfiorando la vittoria e consegnando solo ai rigori il passaggio del turno al Vicenza, non deve ingannare nessuno. Il Cosenza resta un collettivo attrezzato bene, ma che in campionato dovrà vedersela con almeno quattro formazioni di altra caratura. Roselli ha detto che i primi tre posti sono assegnati e probabilmente è vero: Foggia, Benevento e Lecce hanno già adesso la struttura delle corazzate, mentre la Juve Stabia e il Matera fanno compagnia al Cosenza in seconda fila. L’incognita è rappresentata dal Catania: pur partendo da -10 in Lega Pro come sembra farà, non ha intenzione di interpretare il ruolo della nobile decaduta. Tenendo a mente il quadro appena descritto, c’è un particolare che strizza l’occhio a Roselli. I Lupi hanno cambiato meno di tutti, allenatore incluso, e non hanno avuto finora bisogno di andare alla ricerca di un giusto assetto tattico. Sarà 4-4-2 fino a nuovo ordine, a maggior ragione visto l’impronta data al mercato.
Se il trainer umbro cercava risposte dalla Tim Cup, le ha avute tutte una dietro l’altra. Il suo Cosenza sa difendere, sa soffrire, sa segnare e sa ribaltare il risultato. I veterani dello spogliatoio hanno favorito l’inserimento dei nuovi uomini da cui ci si aspetta una crescita costante. Il punto di forza è l’attacco ed è un peccato che ogni domenica due pedine dei fab four debbano accomodarsi in panchina. La Mantia è un centravanti vero e non ha tardato a dimostrare che se c’è un buon cross lui fa gol. A Vicenza gli ha negato la gioia personale una traversa lasciata lì a vibrare, ma fino alla sostituzione aveva brillato per dedizione e tecnica individuale. Vutov è uno di quei ragazzi che verrebbe voglia di tenerlo a palleggiare in giardino quando se ne ha voglia. E’ così innamorato del pallone da far ingelosire la fidanzata, però ha talento e deve calarsi in una realtà dove al primo tunnel ti stendono con un calcione. Se Raimondi non è ancora giudicabile per la mezzora in cui è stato in campo, Arrighini è il fuoriclasse che i supporter rossoblù sognavano. Un Tintoretto che Guarascio ha preso (momentaneamente in prestito) per appendere al San Vito.
A proposito di Guarascio, gli va dato atto di aver investito quanto mai aveva fatto per il Cosenza. E’ giusto che voglia rientrare parzialmente dei sacrifici sul mercato, ma quella bruzia è una piazza particolare e basta poco per rovinare tutto e subito. Non esiste indagine, seppur condotta da esperti del settore, che possa fornire al presidente un quadro chiaro della situazione. Lo si può avere soltanto stando tra le gente che oggi è contenta, soddisfatta e animata dalla speranza di un grande campionato. Pare tuttavia che il presidente sia intenzionato ad apportare degli aumenti sui tagliandi di ingresso di Curva e Tribuna A. Le prime indiscrezioni parlano di 12 e 15 euro: troppi per entrambi i settori del tifo organizzato. Il rischio è che si crei un effetto boomerang, speriamo ci ripensi prima di ufficializzare la campagna abbonamenti, cosa che vorrrebbe fare domani sera a Mangone nel corso della tradizionale festa.
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina