Tutte 728×90
Tutte 728×90

Messina-Cosenza: le pagelle

Messina-Cosenza: le pagelle

Giornata nera per i due centrali di difesa: Tedeschi e Blondett. Pinna mai propositivo. Dietro l’unico che si salva è Ciancio. In mezzo al campo è un dominio siciliano. Davanti poche palle giocabili. 

Un Cosenza passivo nel primo tempo subisce un discreto ma non irresistibile Messina. Il gol in apertura è un regalo dei centrali silani con Tedeschi ingenuo a ciccare il pallone e Blondett poco lesto a frenare l’avversario in entrambe le circostanze. Per lunghi tratti sembrava il Cosenza dell’inizio della scorsa stagione con Cappellacci. Abulico, privo di una reazione degna.  (Piero Bria) 

PERINA: voto 6. E’ sfortunato sul rimpallo che porta al vantaggio dei siciliani. Si distende su un mancino velenoso di Gustavo Vagenin ed evita il raddoppio subito dopo. Nulla può sul raddoppio del solito Cocuzza.
CIANCIO: voto 6. E’ l’unico che si salva dell’undici iniziale insieme al portiere Perina. Chiude gli spazi, attacca sulla corsia di competenza. E’ il solo a proporsi della squadra.
PINNA: voto 5,5. Bada più alla fase difensiva. Nella ripresa qualche galoppata e nulla più. Gioca sempre palloni lunghi dialogando poco soprattutto con i centrocampisti.
TEDESCHI: voto 5. Cicca il pallone che vale il vantaggio del Messina. Un errore non da lui.
BLONDETT: voto 4,5 (il peggiore). Si perde Cocuzza sul primo gol. Concede il bis anche sul secondo e sempre su Cocuzza.
ARRIGONI: voto 5,5. Non ha Caccetta che lo supporta e con Corsi non è la stessa cosa. Neanche sui calci di punizione riesce ad essere incisivo. Colpisce un palo a dimostrazione che le qualità tecniche ci sono.
CORSI: voto 5. Difficile sostituire Caccetta. Lui ci prova con risultati altalenanti. Troppo lento in fase di costruzione del gioco. Giustamente sostituito.
STATELLA: voto 5. Poco e niente nel primo tempo. Qualche spunto interessante nella ripresa. Ma da lui ci si aspetta molto di più.
CRIACO: voto 5. Qualche accelerazione e nulla più. Bada più alla fase difensiva che a quella offensiva.
VUTOV: voto 5. Si muove tanto, conclude poco. Un colpo di testa da buona posizione in avvio di gara.
ARRIGHINI: voto 5,5. Non viene mai servito in maniera pulita. Cosa si pretende da una punta se non viene mai assistita? Corre tanto e a vuoto. Ha solo una occasione a metà ripresa ma la fallisce clamorosamente.
ROSELLI: voto 4,5. Passi indietro per il suo Cosenza rispetto al precampionato. Ci si aspettava più verve, più dinamismo. Nel primo tempo è il Messina a fare la gara. Stessa cosa ad inizio ripresa quando ci si aspettava una squadra tosta, incazzata. Per lunghi tratti sembrava il Cosenza dell’inizio della scorsa stagione con Cappellacci. Abulico, privo di una reazione degna.

subentrati:
RAIMONDI: voto 6,5 (il migliore). E’ l’unico che prova a concludere. E per due volte va vicino al gol.
FIORDILINO: voto 5,5. Prova a dare geometrie. Almeno lui ci prova.
VENTRE: voto SV. Poco in campo per un giudizio su un giovane che può e deve crescere.

Related posts