Tutte 728×90
Tutte 728×90

Caccetta e La Mantia, il Cosenza incrocia le dita

Caccetta e La Mantia, il Cosenza incrocia le dita

I medici faranno di tutto per recuperarli in vista del derby. Gli esami strumentali hanno confermato l’infiammazione del nervo sciatico per il capitano rossoblù. 

L’importanza di un elemento come Caccetta si è vista domenica a Messina quando non c’era. Corsi, in modo più che mai onesto, ha ammesso di non aver disputato la sua miglior partita riconoscendo implicitamente che quando il capitano non è in campo, qualcosa potrebbe non andare per il verso giusto. L’ex centrocampista del Trapani ha il nervo sciatico infiammato dal lunedì seguente al pareggio con l’Akragas in casa. Un paio di giorni di forte dolore, poi un fastidio sopportabile che tuttavia non gli ha permesso di rientrare in gruppo. All’orizzonte adesso c’è il derby, una partita che tutti vorrebbero giocare. Figurarsi con la fascia di capitano al braccio. Anche oggi ha sostenuto un lavoro personalizzato tra piscina e palestra, per sottoporsi poi ai trattamenti speciali del fisioterapista Suriano. Sul suo conto nessuno si sbilancia perché dagli esami strumentali è emerso ciò che si sospettava: sciatalgia dovuta ad un problema di sovraccarico alla schiena che si porta dietro dall’esperienza al Foggia e di Zeman. Tempi di recupero? Un giorno, una settimana, dieci giorni: in casi del genere variano da caso a caso. Dall’infermeria del Marulla però filtra un leggerissimo ottimismo e c’è chi spera che venerdì possa aggregarsi con i compagni e svolgere regolarmente la rifinitura di sabato. Roselli incrocia le dita, così come per La Mantia. La contrattura che non ha permesso all’attaccante di scendere in campo a Messina è monitorata ora dopo ora e non pare preoccupare più del dovuto. Per entrambi i medici tenteranno il miracolo. Passata l’influenza, infine, Vutov tornerà regolarmente a disposizione: per il momento è l’unico che ha la certezza di entrare negli spogliatoi del Ceravolo.

Related posts