Cosenza Calcio

Meluso, il pari nel derby brucia: “Non sempre vincono i migliori”

Il ds del Cosenza sottolinea: “Non ero così ottimista nel pre-campionato, non sono disfattista ora. Siamo destinati a crescere e su questo non ci piove, ma a Catania siamo stati penalizzati”.

Dopo il pareggio di ieri pomeriggio tra Catanzaro e Cosenza a parlare, a mente fredda, è il direttore sportivo dei rossoblù Mauro Meluso. Ospite dalla trasmissione “Fair Play” in onda su TVSud (canale 814 del digitale terrestre),  il ds si mostra non pienamente soddisfatto per il punto conquistato appena  24 ore fa al Ceravolo, ma resta ottimista per il proseguio di campionato. Con lui, ospite in trasmissione anche Alessandro Pellicori che ha svelato un precedente di mercato. “Con Meluso ci fu un abboccamento quando lui era a Padova – ha detto l’ex punta dell’Avellino – Intavolammo una trattativa, ma non se ne fece nulla. Con Roselli invece ho giocato a Varese. Il Cosenza, vedrete, farà valere le sue qualità perché a Catanzaro è stata partita vera ed ho intravisto dei progressi”. Gli fa eco Meluso. “Siamo agli inizi e la classifica si delinerà piu il là. Andria, Paganese, Akragas e Ischia stanno facendo un gran campionato. Un po’ indietro il Foggia e il Matera che non stanno rispettando le aspettative. Però, ripeto, Ci vorrà più tempo per far emergere i veri volori. Rispetto all’anno scorso è un campionato sì livellato, ma verso l’alto. Lo ha detto anche Pancaro in una recente intervista”.
[quote_left]“Dopo Messina non vi nascondo che ho avuto un po’ di timore perchè la squadra non ha reagito e non era facile recuperare morale. Cosa che per fortuna è avvenuta nel derby”[/quote_left]CATANZARO AMARATornando sul derby, il rimpianto è vivo. “Meritavamo di vincere. Ma ci sono stati una serie di fattori ad incidere. Dopo Messina non vi nascondo che ho avuto un po’ di timore perchè la squadra non ha reagito e non era facile recuperare morale. Cosa che per fortuna è avvenuta nel derby, perchè ho visto una squadra tonica e tosta. Sapevamo che avevamo delle difficoltà (Raimondi in ritardo di condizione, La Mantia si era allenato poco, Arrighini paga il periodo di inattività) ma abbiamo reagito bene. Nel derby non sempre la squadra migliore vince e per quanto mi rigurda vedo il bicchiere mezo pieno. Non ero così ottimista nel pre-campionato, non sono così disfattista ora. Siamo destinati a crescere e su questo non ci piove”. Arrighini si è sbloccato: al bomber serviva una rete. “Riponiamo tanta fiducia nel reparto offensivo e quindi anche su di lui. Sono molto contento per il suo gol perchè per un attaccante è il pane quotidiano. Ma più in generale vedo Raimondi crescere partita dopo partita e La Mantia, che ha caratteristiche fisiche uniche, ci darà una grossa mano. Per quanto riguarda il centrocampo ho visto un gran Fiordilino, su di lui possiamo fare affidamento”.
TERZA TRASFERTA DI FILA. Capitolo Catania, un argomento ancora che scotta. “La partita contro gli etnei doveva giocarsi alla seconda di campionato e per colpe non nostre è stata posticipata: la cosa ci penalizza. Inoltre, per il match di mercoledì, i catanesi hanno un giorno in più di recupero, speriamo di non risentirne in campo. Hanno giocatori di valore assoluto per la categoria perché è una squadra nata per ribaltare il -9 e tentare di arrivare nelle prime posizioni”. Prima da avversario per un ex di lusso. “Affronteremo da avversario Calderini che da noi aveva fatto abbastanza bene, ma su di lui sono state fatte scelte condivise da società e staff tecnico, decidendo di rinnovare tutto il reparto. Riponiamo tanta fiducia nei ragazzi che abbiamo acquistato, ci aspettiamo tanto da loro”. Sul mercato il ds non si sbilancia. I nomi che circolano sono sempre quelli di Fabbro, Adobati, Kostadinovic e Capogrosso. “Non parlo di mercato. È appena finito, aspettiamo gennaio…”. (Francesco Pellicori)

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina