Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza da allarme rosso. Allenamento senza sei uomini

Cosenza da allarme rosso. Allenamento senza sei uomini

Roselli, assente anche lui per presenziare alla laurea del figlio, è preoccupato per le notizie che provengono dall’infermeria. Oggi la seduta è stata diretta da De Angelis.

La spia dell’infermeria del Marulla era accesa di continuo. E Giorgio Roselli non può per nulla stare tranquillo in vista di sabato pomeriggio. Il tecnico aveva chiesto un giorno di permesso per presenziare alla laurea del figlio Mattia a Roma (auguri!), ma è stato informato dell’evolversi della seduta diretta dal vice De Angelis. All’appello mancavano addirittura sei elementi che, per un motivo o per un altro, rischiano di saltare l’impegno con la Lupa Roma. Sarà la rifinitura di domani pomeriggio a chiarire meglio la situazione, ma il quadro odierno non è molto incoraggiante. Tedeschi e Ciancio erano assenti per motivi personali, ma solo lo stopper è certo di affrontare la formazione capitolina una volta smaltita l’influenza. Per il terzino, probabilmente, ancora panchina e qualche minuto mercoledì in Coppa Italia con il Lecce. Il grattacapo maggiore lo creerebbe un eventuale forfait di Pinna. L’ex Melfi è rimasto a bordo campo per l’intero pomeriggio, seduto con del ghiaccio applicato sul flessore sinistro. In cuor suo vorrebbe stringere i denti e dare il consueto contributo sull’out mancino, ma in casi del genere la precauzione non è mai tanta. Senza di lui toccherebbe ad uno tra Corsi e Guerriera spostarsi a sinistra. A centrocampo solita defezione riguardante capitan Caccetta, rimasto anche oggi in palestra. In attacco altra situazione critica. Ad oggi gli unici disponibili sono Arrighini e Raimondi, mentre Vutov e La Mantia rischiano di guardare i compagni dalla tribuna. Ad Amantea il talento bulgaro ha ricevuto due violenti colpi sul quadricipite femorale già sottoposto ad un trauma a Pagani: verrà valutato ora dopo ora. Per il bomber rossoblù, invece, solo qualche giro di campo. Il dolore sulla cresta iliaca non dà tregua, però farà di tutto per accomodarsi in panchina. Affaticamento anche per Saracco, ma ci sarà.

Related posts