Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Cosenza corre sotto il diluvio. Stop per La Mantia

Il Cosenza corre sotto il diluvio. Stop per La Mantia

Al Marca seduta caratterizzata dalla pioggia. Roselli ha provato degli schemi e concluso l’allenamento con la classica partitella. Assenti tre calciatori.

Allenamento mattutino sotto la pioggia al Marca dove le copiose precipitazioni hanno complicato un po’ la vita a Giorgio Roselli. Inutilizzabile il Sanvitino, si è optato per il sintetico. Il tecnico rossoblù ha potuto disporre dell’intero collettivo a sua disposizione ad eccezione di tre elementi: Blondett, Criaco e Di Somma. Il primo, appiedato ieri pomeriggio dal Giudice Sportivo per due turni, ha svolto un lavoro personalizzato in piscina. L’obiettivo dello staff medico è venire a capo del problema sul collo del piede entro i 15 giorni di stop forzati dovuti all’espulsione di sabato. Criaco migliora, ma è ancora alle prese con l’influenza: probabile che domani tornerà in gruppo. Il giovane difensore, infine, era a scuola. Arrighini e compagni invece hanno iniziato con una serie di sprint per poi passare alle classiche esercitazioni tattiche con la palla. Il tutto si è concluso con la partitella finale che ha visto in azione ogni singolo elemento.  La Mantia si è fermato precauzionalmente per un problema al ginocchio che ha provocato un momentaneo stop della seduta. Non dovrebbe essere nulla di preoccupante perché è andato via sulle proprie gambe, ma verrà valutato ora dopo ora. In vista della gara del Santa Colomba, Roselli sta pensando se riproporre dall’inizio Caccetta. Il capitano sta cercando la giusta condizione, ma per scalzare uno tra Fiordilino e Arrigoni dovrà dimostrare di possedere una percentuale di autonomia maggiore di quella vista col Monopoli. A Benevento è già chiaro quale sarà la linea difensiva: Corsi e Ciancio sulle corsie laterali, Tedeschi e Pinna in mezzo. A centrocampo l’unica incognita potrebbe essere Criaco, nel caso è pronto Guerriera. In attacco ballottaggio La Mantia (se dovesse essere tutto ok)-Raimondi. Arrighini è intoccabile e cerca continuità.

Related posts