Cosenza Calcio

Dirty Soccer, tutte le richieste della Procura per i tesserati. Ecco i 51 nomi

Il tecnico del Messina Di Napoli rischia 3 anni e 6 mesi, il patron del Catanzaro Cosentino 6 mesi, mentre il capitano delle Aquile Giampà 3 anni di squalifica.

Queste le richieste di pena per i tesserati avanzate dalla Procura della Federcalcio davanti al Tribunale federale nazionale, sezione disciplinare, riunito all’Hotel NH Vittorio Veneto di Roma per il processo sportivo sul calcioscommesse relativo al secondo filone dell’inchiesta “Dirty Soccer” avviata dalla Procura di Catanzaro. Eugenio Ascari: 3 anni di squalifica e 50mila euro di ammenda, più altri sei mesi di squalifica e 10mila euro per l’illecito aggravato. Salvatore Astarita: 5 anni di squalifica e la preclusione, più altri 3 anni di squalifica e un’ammenda di 120mila euro per illecito aggravato. Andrea Bagnoli: 3 anni di squalifica e 50mila euro di ammenda, più altri sei mesi di squalifica e 10mila euro di ammenda per illecito aggravato. Abdoulayè Baldè: 3 anni di squalifica e 50mila euro di ammenda, più altri 6 mesi di squalifica e 10mila euro di ammenda per illecito aggravato. Felice Bellini: 9 mesi di inibizione e 20mila euro di ammenda. Gianni Califano: 4 anni di inibizione e 60mila euro di ammenda. Fabio Caserta: 3 anni di squalifica e 50mila euro di ammenda. Luca Cassese: 3 anni di squalifica e 50mila euro di ammenda. Daniele Ciardi: 5 anni di squalifica e preclusione, più un anno e 6 mesi di squalifica e 160mila euro per illecito aggravato. Antonio Ciccarone: 5 anni di inibizione per l’associazione più 6 anni di inibizione e 180 mila euro di ammenda. Luigi Condò: 4 anni di inibizione e 60mila euro di ammenda. Ninni Corda: 3 mesi di squalifica. Giuseppe Cosentino: 6 mesi di inibizione e 30mila euro di ammenda. Fabio Di Lauro: 4 anni e 7 mesi di squalifica e 135mila euro di ammenda. Arturo Di Napoli: 3 anni e 6 mesi di squalifica, 50mila euro di ammenda più altri 6 mesi di squalifica e 10mila euro di ammenda per illecito aggravato. Ercole Di Nicola: 6 anni e 3 mesi di inibizione più 185mila euro di ammenda. Mirko Garaffoni: 3 anni di squalifica e 50mila euro di ammenda, più altri 6 mesi di squalifica e 10mila euro di ammenda per illecito aggravato. Adolfo Gerolino: 4 anni e 6 mesi di squalifica, 80mila euro di ammenda. Domenico Giampà: 3 anni di squalifica e 50mila euro di ammenda. Marco Guidone: 4 anni di squalifica e 70mila euro di ammenda. Pietro Iannazzo: 4 anni di squalifica e 80mila euro di ammenda. Gianmarco Ingrosso: posizione stralciata. Pasquale Izzo: 2 anni di squalifica per fattiva collaborazione (articolo 24 Cgs). Pasquale Lo Giudice: 4 anni di inibizione e 60mila euro di ammenda. Fabrizio Maglia: 6 mesi di squalifica e 10mila euro di ammenda. Bruno Mandragora: 6 mesi di squalifica e 30mila euro di ammenda. Emanuele Marzocchi: 2 anni di squalifica per fattiva collaborazione (articolo 24 Cgs). Vincenzo Melillo: 3 anni di squalifica e 50mila euro di ammenda, più altri 6 mesi di squalifica e 10mila euro di ammenda per illecito aggravato. Francesco Molino: 5 anni di inibizione e preclusione, più un anno e 6 mesi di inibizione e 30mila euro di ammenda. Raffaele Moxedano: 10 mesi di squalifica e 50mila euro. Mario Moxedano: 5 anni di inibizione e preclusione, più altri 3 anni e 8 mesi di inibizione in continuazione, 80mila euro di ammenda. Vincenzo Nucifora: 4 anni e 2 mesi di inibizione e 70mila euro di ammenda. Francis Obeng: 4 anni di squalifica e 70mila euro di ammenda. Armando Ortoli: 4 anni di squalifica e 60mila euro. Maurizio Antonio Pagniello: 4 anni e 6 mesi di inibizione più 70mila euro di ammenda. Antonio Palermo: 5 anni di inibizione e preclusione, più un anno e 6 mesi di inibizione e 30mila euro di ammenda. Fulvio Pea: 6 mesi di squalifica e 30 mila euro di ammenda. Armando Pellicanò: 4 anni di inibizione e 60mila euro di ammenda. Luciano Pignatta: 3 anni e 6 mesi di squalifica, 60mila euro di ammenda. Daniele Piraino: 4 anni di inibizione e 60mila euro di ammenda. Giacomo Ridolfi: 3 anni e 8 mesi di squalifica e 70mila euro di ammenda. Mario Ruga: 4 anni di inibizione e 60mila euro di ammenda. Giuseppe Sampino: 6 mesi di inibizione e 10mila euro di ammenda. Massimiliano Solidoro: 4 anni di squalifica e 90mila euro di ammenda. Marcello Solazzo: 5 anni di squalifica e 90 mila euro di ammenda. Paolo Somma: 4 anni di inibizione e 60mila euro di ammenda. Marco Tosi: 4 anni di squalifica e 70mila euro di ammenda. Mohamed Lamine Traorè: 4 anni e 6 mesi di squalifica e 80mila euro di ammenda. Andrea Ulizio: 4 anni e 6 mesi di squalifica e 80mila euro di ammenda. Mauro Ulizio: 5 anni di inibizione e preclusione, più un anno e 6 mesi di inibizione 110 mila euro di ammenda.

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina