Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Catanzaro: l’avversario

Cosenza-Catanzaro: l’avversario

Erra si affida al 4-3-3 ma sono ancora tanti i dubbi. Mancherà Giampà che è squalificato. In attacco sono in 3 per una maglia

E venne il giorno del derby. Atteso. In maniera trepidante. Perché mai come questa volta…Lasciamo a metà la frase. I più scaramantici possono già fare tutti gli scongiuri del caso fa ma il Catanzaro di Erra, sembra tutt’altro che una squadra imbattibile. Nelle ultime 5 partite infatti, i giallorossi hanno raccolto la miseria di 2 punti. L’ultima vittoria è datata 19 dicembre (3-0 sull’Ischia) e, per loro, i play-out sembrano dietro l’angolo. Sono infatti soltanto due i punti che separano ad oggi il Catanzaro dagli spareggi per non retrocedere in Serie D, anche se sono proprio i giallorossi a guidare il gruppone di squadre che lotterà fino alla fine per salvarsi. Certo, con Erra in panchina che a fine ottobre ha sostituito D’Urso, la situazione è decisamente migliorata, ma l’ultimo periodo negativo, ha fatto ripiombare la squadra in una netta crisi di gioco e di risultati. Il Catanzaro è una squadra che segna poco. Con 18 gol è infatti il terz’ultimo attacco del girone. Peggio di loro soltanto Lupa Castelli Romani (13) e Akragas (15). All’andata, un calcio di rigore trasformato a metà ripresa da Razzitti (migliore marcatore della squadra con 6 centri), pareggiò il vantaggio rossoblù firmato da Arrighini per l’1-1 finale. Un pareggio che lasciò con l’amaro in bocca tutto l’ambiente cosentino visto che sembrava una partita in mano ai lupi. Per quel che riguarda la formazione, mister Erra si affiderà al 4-3-3. Mancherà lo squalificato Giampà, così come l’infortunato Calvarese. Restano anco+*ra diversi i dubbi. In porta ci sarà certamente Grandi. I due terzini saranno l’ex Bernardi a destra e Squillace a sinistra. In mezzo sicuro Moi, mentre per l’altro posto Ricci è favorito su Patti. A centrocampo da destra ci saranno Agnello, Maita Olivera(più di Foresta). In attacco certi di una maglia la punta centrale Razzitti e l’esterno sinistroMancuso. Si giocano fino alla fine un posto Firenze (favorito), Agodirin e Caruso. (Alessandro Storino)

CATANZARO (4-3-3): Grandi; Bernardi, Ricci, Moi, Squillace; Agnello, Maita, Olivera; Firenze, Razzitti, Mancuso. A disp.: Scuffia, Orchi, Caselli, Barillari, Fulco, Patti, Garufi, Foresta, Caruso, Agodirin. All.: Erra.

Related posts