Tutte 728×90
Tutte 728×90

Statella spegne le candeline: “Sognavo di festeggiare in zona playoff”

Statella spegne le candeline: “Sognavo di festeggiare in zona playoff”

L’ala del Cosenza: “Con il direttore siamo vicini per ciò che concerne il rinnovo. Un punto in due partite? Dobbiamo riscattarci subito contro la Lupa Castelli”. 

Peppe Statella oggi ha compiuto 28 anni. Gli auguri del mister e dei compagni negli spogliatoi hanno rafforzato l’idea di come sia importante la sua presenza in questo gruppo. A pensarci, da quando è arrivato un anno fa nel mercato di gennaio, il Cosenza ha cambiato ritmo ed è iniziato il decollo. “Sono sincero – ha detto – speravo proprio di festeggiare il mio compleanno in zona playoff. Sono venuto al Marulla per realizzare qualcosa di importante e ci stiamo riuscendo. Abbiamo cominciato nello scorso campionato con la conquista della Coppa Italia e con una salvezza centrata in largo anticipo. Adesso siamo lassù”. Oggi, dopo la sconfitta dell’Alessandria col Cittadella nel posticipo di ieri sera, il piazzamento dei Lupi varrebbe il miglior quarto posto dei tre gironi. L’esterno di Melito Porto Salvo è tra i calciatori in attesa di rinnovo. Sebbene abbia già una clausola nel contratto in vigore che farebbe slittare di un anno la scadenza in caso di B (clicca qui), la società gli ha lasciato intendere di essere pronta ad offrire un biennale. “Legarmi ad uno stesso club per altre stagioni fa sempre piacere – ha spiegato – ma io do a prescindere il massimo. Con il direttore siamo vicini, più si fa bene e più arrivano i contratti: funziona così”. Le ultime prestazioni, tuttavia, non sono state positive. Sia a Matera che con la Paganese, Statella non ha raggiunto la sufficienza in pagella. “Un punto in due partite? A Matera ci siamo impegnati tanto, ma c’è da mettere in conto anche il valore dell’avversario. Con la Paganese è stata molto dura, sono stato costretto ad accentrarmi per cercare un po’ di spazio: era impossibile giocare con i campani chiusi in quella maniera. Peccato per il rigore di Cavallaro e per le due parate di Marruocco su La Mantia. Abbiamo rincuorato Giovanni, se ha sbagliato Baggio ai Mondiali possono farlo pure dei calciatori di Lega Pro”. Il calendario offre subito la possibilità di riscatto. “Anziché rammaricarci dobbiamo cercare solo di migliore e azzerare i nostri errori. Se a Rieti faremo risultato pieno, si manderanno in archivio le ultime partite. Facciamo la corsa su noi stessi, non possiamo permetterci di guardare le altre”. Chiusura dedicata al quadrangolare che si giocherà domani a Bianco. “E’ una bella iniziativa contro la violenza sulle donne. C’è stata una ragazza vittima dell’ex fidanzato: una situazione che non dovrebbe esistere. E’ stato il sindaco a volere fortemente questo evento e nel mio piccolo, sono felice di essermi fatto portavoce”.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it