Tutte 728×90
Tutte 728×90

Corigliano troppo forte per la Brutium. Non basta Irace (3-1)

Corigliano troppo forte per la Brutium. Non basta Irace (3-1)

Gli ionici passano al Marca e restano in vetta. Per la squadra della Curva Nord una sconfitta che ha il sapore dei playout. Saranno decisive le ultime giornate di campionato.

Non riesce alla Brutium Cosenza l’impresa di fermare la capolista e sotto i colpi di un attacco qualitativamente superiore e più cinico, i rossoblù cedono 3-1 in casa contro il Corigliano. Da segnalare però la buona cornice di pubblico e il fair-play tra le due tifoserie che fianco a fianco hanno incitato le rispettive squadre. CRONACA. L’inizio è vibrante e promette spettacolo. Da una parte Attanasio cerca subito di dare fiducia alla squadra della Curva Nord, dall’altro Brillante in diagonale fa capire a Gardi quale sarà il leit-motiv della giornata. Al 9’ lo stesso attaccante biancazzurro porta i suoi in vantaggio. Curatelo scodella in mezzo un cross teso che andava soltanto corretto in rete con una zuccatta: detto, fatto e 0-1. La tecnica individuale del Corigliano strappa applausi al minuto 38’. Zangaro è imbeccato da Curatelo e, in tutta libertà, serve un assist d’oro a Brillante che non ha difficoltà a gonfiare di nuovo la rete. Bella la sua girata per apporre la firma su un pregevole bis. Il doppio svantaggio provoca una reazione in seno ai padroni di casa. Martire costringe Reda al volo plastico, poi Palmieri di Crotone annulla una rete a Ponzio. Negli spogliatoi Libero striglia i suoi e chiede maggiore ardore agonistico, cosa che effettivamente si vede nella ripresa. Martire, meno preciso del solito, non concretizza un invitante servizio di Principato e al 15’ sbaglia un calcio di rigore procurato da Ponzio. Il tiro, fiacco, è respinto dal pipelet ionico che esulta. A quel punto, il morale per la Brutium scende sotto terra e il Corigliano cala il tris. E’ Sarli a farsi trovare pronto dopo un buon dialogo tra Berardo e Amoruso. C’è tempo, tuttavia, per il gol della bandiera. Lo mette a segno Irace con un bolide da trenta metri. A due giornate dalla fine la Brutium si trova con entrambi i piedi in zona playout: sembra che serva un miracolo per la salvezza diretta, tutto invece potrebbe essere rimandata agli spareggi. 

Il tabellino:
BRUTIUM COSENZA (4-4-2):
 Gardi; Scarlato G., Ponzio, Napolitano, Russo; Cinelli (37’ st Perrotta), De Luca (1’ st Irace), Caruso, Principato (24’ st Fiumara); Attanasio, Martire. A disp.: Ricci, Spizzirri, Credidio, Coscarelli. All.: Libero
CORIGLIANO (4-4-2): Reda; Bruno, Scarlato C., De Pantis, Apicella; Zangaro (22’ st Curia), Curatelo, Amoruso (31’ st Diaco), Belarbo; Brillante, Sarli. A disp.: De Luca, Rizzuti, Riolo, Fico. All.: Cipparrone
ARBITRO: Palmieri di Crotone
MARCATORI: 9’ pt e 38’ pt Brillante (C), 28’ st Sarli (C), 43’ st Irace (BC)
NOTE: Spettatori circa 200 con larga rappresentanza ospite. Martire (B) al 15’ st sbaglia un calcio di rigore. Recupero: 1’ pt – 6’ st

Risultati 28° giornata:
Brutium Cosenza-Corigliano 1-3; Amantea-Atletico Botricello 0-0; Cotronei-Filogaso 3-1; Garibaldina-SoveratoDavoli 1-0; Juvenilia-Torretta 1-1; MKE Catanzaro-Cariati 3-1; Promosport-Luzzese 0-2; San Fili-Silana 5-0

Classifica:
Corigliano 70; Luzzese 69; Cotronei 63; Mke 46; Cariati 45; Amantea 42; San Fili 39; Juvenilia 36; Torretta 35; Botricello 32; Filogaso 31; Garibaldina e Promosport 30; Brutium 29; Soverato Davoli 21; Silana 7

Related posts