Tutte 728×90
Tutte 728×90

“Sistema Rende”, il Tdl annulla l’arresto di Francesco Patitucci

“Sistema Rende”, il Tdl annulla l’arresto di Francesco Patitucci

Il Riesame di Catanzaro accoglie l’istanza di scarcerazione presentata dalla difesa dell’indagato, accusato di corruzione elettorale aggravata dal metodo mafioso insieme ai politici rendesi

Pochi indizi a suo carico oppure insussistente l’esigenza cautelare? Per attendere le motivazioni del tribunale del Riesame di Catanzaro serviranno 45 giorni, ma intanto i giudici del Tdl nella giornata di ieri hanno annullato l’ordinanza di custodia cautelare vergata dal gip Distrettuale Carlo Saverio Ferraro per la posizione di Francesco Patitucci, già condannato in via definitiva per associazione mafiosa e ritenuto dalla Dda di Catanzaro esponente di spicco della cosca “Lanzino” di Cosenza. Patitucci era stato arrestato nell’ambito dell’operazione antimafia denominata “Sistema Rende” perché accusato, in concorso, di corruzione elettorale aggravata dal metodo mafioso. Ma a prevalere, tuttavia, è la difesa dell’indagato – rappresentata dagli avvocati Luigi Gullo, Giuseppe Manna e Laura Gaetano – che nel corso dell’udienza che si è svolta martedì scorso aveva sottolineato la mancanza dei gravi indizi di colpevolezza che avevano portato Patitucci all’arresto, soltanto notificato poiché era già in carcere dal 19 febbraio scorso a seguito di controllo effettuato dai carabinieri all’interno della sua auto, nella quale era stata trovata una pistola. Così la Procura di Cosenza aveva ordinato il suo arresto. Dovrebbe arrivare a giorni invece la decisione su Adolfo D’Ambrosio che, attraverso il suo legale di fiducia, ha chiesto l’annullamento dell’ordinanza cautelare. (redazione cronaca)

CLICCA QUI PER LA NUOVA PAGINA FACEBOOK DI COSENZACHANNEL – ATTUALITA’

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it