Tutte 728×90
Tutte 728×90

Previdenza e risparmio: quanto prenderemo di pensione?

Previdenza e risparmio: quanto prenderemo di pensione?

In arrivo la busta arancione dell’INPS. I calcoli sono fatti con un Pil che cresce all’1,5% e una vita lavorativa senza buchi contributivi è un’ipotesi troppo ottimista.

Per milioni di italiani è in arrivo la busta arancione che contiene una simulazione della pensione futura sulla base di quanto finora versato, della retribuzione attesa e della data di uscita dal lavoro. L’idea non è certo una novità italiana, per prima fu la Svezia a spedire una missiva di colore arancione alle persone che stavano versando i contributi. Fino a oggi la simulazione è stata disponibile solo online per gli italiani, ma tra poco arriverà nelle cassette delle lettere anche la versione cartacea.
Come riportato sul Corriere della Sera: “La busta arancione dell’Inps, in arrivo entro l’estate, costringerà sette milioni di italiani a misurarsi con i numeri della propria pensione pubblica. Un bene. Ma il rischio è che, nonostante la volontà chiarificatrice della missiva, l’effetto della trasparenza previdenziale sia troppo ottimista. Un male. Perché per mettere in piedi una strategia in vista del futuro serve del realismo. Ma vediamo i conti. Quelli dell’Inps e quelli di un’ipotesi meno «rosa», che è possibile simulare sempre attraverso lo strumento web dell’Inps se si hanno tempo e conoscenze, e che Progetica, società indipendente di consulenza in pianificazione finanziaria e previdenziale, ha simulato per Corriere Economia, mostrando che gli scenari possono essere diversi e decisamente meno confortanti qualora il futuro riservi una crescita economica piatta e quindi spegnere uno dei motori di crescita degli assegni pubblici…Nelle tabelle vengono presentate le elaborazioni che risultano dalla busta arancione de «La mia pensione» e quelle personalizzate che si possono ottenere sempre dall’Inps, ma cambiando alcuni parametri di partenza. I profili sono relativi a un dipendente trentenne e quarantenne con un reddito di duemila euro netti al mese e a un autonomo con lo stesso reddito”. Per leggere l’articolo completo clicca su http://www.corriere.it/economia/finanza_e_risparmio/cards/quanto-prenderemo-davvero-pensione-calcoli-chi-ha-30-40-50-anni/i-numeri-busta-quelli-meno-rosa_principale.shtml. (c.c.)

 

foto: alessandroprandi.altervista.org

CLICCA QUI PER LA NUOVA PAGINA FACEBOOK DI COSENZACHANNEL – ATTUALITA’

Related posts