Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Ischia: l’avversario

Cosenza-Ischia: l’avversario

Isolani nel caos e reduci da 7 ko di fila. Mancherà Kanoute, capocannoniere dei suoi, ancora squalificato. Porta, terzo allenatore dell’anno, continua a scegliere il 4-3-3. 

Con le speranze di disputare i play-off ormai ridotte al lumicino (com’è noto servirebbe vincere con contemporaneo un ko interno della Casertana contro la Paganese), il Cosenza si prepara a salutare l’annata calcistica 2015/2016 davanti al suo pubblico.  Classifica alla mano, quella di domani, sarà una partita molto più importante per l’Ischia che per i padroni di casa. Gli isolani, infatti, sperano in qualche modo di riuscire a conservare la sedicesima posizione, arrivando davanti al Martina e potendo disputare in questo modo i play-out contro il Melfi, piuttosto che contro la quintultima (una tra Catania, Monopoli, Catanzaro o Akragas). Al momento Ischia e Martina, hanno entrambe 21 punti in graduatoria ma i primi sono in vantaggio negli scontri diretti e perciò sono davanti. Il Martina però, pare avvantaggiato dal calendario, visto che ospiterà in casa, un Messina che non ha più nulla da chiedere a questo campionato. Solo una vittoria a Cosenza, darebbe la sicurezza alla squadra campana, di riuscire ad arrivare davanti ai pugliesi. Non sarà certamente facile per loro, considerando che al San Vito – Gigi Marulla, quest’anno ha vinto soltanto il Lecce. L’Ischia non sta certamente passando un periodo positivo. L’allenatore Antonio Porta, promosso dalla Berretti a metà marzo dopo l’allontanamento di Di Costanzo, è stato confermato nei giorni scorsi dalla società, dopo un lungo tira e molla nel quale il suo destino sembrava segnato verso l’esonero. Porta, che finora non ha ottenuto nemmeno un punto, è tra l’altro il terzo allenatore dell’anno dopo Bitetto e lo stesso Di Costanzo. La squadra è reduce dall’incredibile serie di 7 sconfitte consecutive  e non vince dallo scorso 6 febbraio , quando superò per 2-0 in casa il Catania. Quella contro i siciliani è tra l’altro l’unica vittoria in tutto il girone di ritorno dell’Ischia. Un ruolino di marcia certamente desolante. L’Ischia ha la seconda peggiore difesa del campionato con 59 reti subite (peggio solo la Lupa Castelli Romani con 62), ed il quart’ultimo attacco con 30 gol fatti. All’andata il Cosenza passò sull’isola grazie ad una grande punizione di Arrigoni a 5 minuti dalla fine, dopo che Porcinoera riuscito a pareggiare il vantaggio rossoblù firmato da capitan Tedeschi. Il miglior marcatore dell’Ischia è Mamadou Kanoute con 6 reti segnate, che però è ancora squalificato dopo il rosso beccato a Matera. Porta dovrebbe confermare il 4-3-3 ma sono diversi i dubbi. In porta ci sarà sicuramente Iuliano. In difesa Bruno e Porcino dovrebbero essere i due terzini con Moracci ed uno tra l’olandese Vandam e Filosa (al rientro dopo 50 giorni) in mezzo alla difesa. A centrocampo in mezzo l’ex del Napoli Di Vicino con ai suoi lati uno tra Acampora e Florio a destra ed Armeno a sinistra. In avanti sicuri del posto Gomes come punta centrale e Pepe come esterno destro. Il tridente dovrebbe essere completato da Rubino a sinistra. Oltre a Kanoute mancherà Spezzani, anch’egli squalificato. (Alessandro Storino)

ISCHIA (4-3-3): Iuliano; Bruno, Moracci, Vandanm, Porcino; Acampora, Di Vicino, Armeno;  Pepe, Gomes,  Rubino. In panchina: Modesti, Filosa Manna, Belmonte, Di Bello, Palma, Savi, Guarino, Sirigu, Florio. Alle.: Porta

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it