Tutte 728×90
Tutte 728×90

Guarascio: “Al pubblico del Cosenza do 6. Cerco partner solidi economicamente”

Guarascio: “Al pubblico del Cosenza do 6. Cerco partner solidi economicamente”

Il presidente non accelera: “Avanti con la politica dei piccoli passi. Grandi calciatori? Il ds si impegnerà a trovarli, ma la nostra coperta è quella. Sì all’azionariato popolare”.

Come spegnere gli entusiasmi della piazza. Guarascio non si smentisce e rispondendo alle domande postegli in trasmissione che cercavano di stuzzicarlo, dagli schermi di Ten fa il punto della situazione. Per il rinnovo di Meluso e la permanenza di Roselli non vede ostacoli (il tecnico parla con sfumature decisamente diverse…, clicca qui), ma con l’arrivo dell’estate inizia a mandare segnali di varia natura. Se qualcuno si aspettava la parola Serie B pronunciata per galvanizzare gli animi e regalare una botta di adrenalina in vista del mercato, è incappato nel consueto refrain di gurasciana memoria. “Bisogna partire da ciò che abbiamo, rafforzandolo. E’ la politica dei piccoli passi, con una crescita armonica e condivisa – ribadisce per l’ennesima volta in cinque anni – Grandi giocatori? Il ds si impegnerà a trovarli, ma la nostra coperta è quella”. Concetto chiaro.

SI CERCANO PARTNER. Parlare di società al Cosenza potrebbe essere un azzardo, in quanto l’unico a decidere ogni cosa è Guarascio. Proprietà, pertanto, è il termine più calzante. “Io sono sempre alla ricerca di nuovi soci – dice – Devono avere però due requisiti: una forte caratura morale e una solidità di fondo. Dai colloqui avuti ancora non sono riuscito ad individuare soggetti idonei”. Se sia una speranza più che un vero abboccamento lo si potrebbe scoprire presto, ma il patron sottolinea “quanto sia cresciuto anche fuori regione il nostro appeal” e non esclude a precisa domanda di “poter trattare con imprenditori non calabresi e di organizzare una tournee in America”. L’auspicio è sempre quello di ricevere aiuti concreti, ma a sorpresa salta di nuovo fuori l’azionariato popolare. “Sono possibilista, può essere un bel punto di partenza. Coinvolgere la tifoseria potrebbe aiutarci a far aumentare le presenze allo stadio”.

LE PAGELLE. Per una volta è il presidente a prendere in mano la matita rossa e ad attribuire giudizi. Anche in questo caso i colpi di scena non mancano, tanto che dallo studio gli si chiede se non voglia alzare i voti. “Il ds Meluso merita 6.5 – ha detto – Roselli invece 7+. Alla squadra do un bell’8, ai tifosi 6, mentre agli arbitri 6-”. C’è spazio, infine, per una serie di giudizi sui singoli elementi. “A me La Mantia piace molto, lo terrei ma non metto bocca nelle decisioni tecniche. Arrighini si è impegnato tantissimo, gli mancano 4 gol annullati ingiustamente. Non entro nell’operato degli arbitri, ma se fossero stati convalidati saremmo più in alto in classifica”.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it