Tutte 728×90
Tutte 728×90

I carabinieri arrestano un uomo di Serra Pedace. Sequestrati due chili di droga

I carabinieri arrestano un uomo di Serra Pedace. Sequestrati due chili di droga

Operazione coordinata dai militari dell’Arma della stazione di Spezzano della Sila e dall’Aliquota Operativa della Compagnia di Cosenza. Belli è accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti

Nella giornata di oggi i carabinieri della Stazione di Spezzano della Sila unitamente all’Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Cosenza hanno tratto in arresto Giovanni Belli, 44enne, di Serra Pedace, noto alle Forze dell’Ordine, nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’operazione rientra nell’ambito di specifici servizi volti a contrastare il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti nel capoluogo e nell’hinterland cosentino. L’uomo, nella prima mattinata, in Spezzano Piccolo, è stato fermato nel corso di un predisposto posto di controllo da parte dei militari dell’Arma di Spezzano della Sila mentre era alla guida della propria autovettura. I militari, vedendolo nervoso e conoscendo i suoi precedenti in materia di sostanze stupefacenti, lo hanno sottoposto a perquisizione personale e veicolare rinvenendo, all’interno di un pacchetto di sigarette, due “spinelli” nonché nel portafoglio la somma contante di 855 euro in banconote di piccolo taglio. I carabinieri insospettiti dal rinvenimento, si sono portati quindi presso la sua abitazione sita in Serra Pedace ove, nel corso di una perquisizione domiciliare, sono stati rinvenuti in un intercapedine creato appositamente nei gradini della scale, due chilogrammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana” rispettivamente confezionati in un “pane” da un chilo avvolto in un cellophane e, il rimanente, in nove bustine per alimenti pronte alla vendita. Inoltre sono state rinvenute cinque piantine di marijuana di piccole dimensioni. La droga è stata quindi sottoposta a sequestro unitamente alla somma di denaro trovata ritenuta provento dell’attività illecita di spaccio mentre l’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato associato presso la casa Circondariale di Cosenza.

Related posts