Tutte 728×90
Tutte 728×90

Primario sotto processo, in Appello si riapre l’istruttoria dibattimentale

Primario sotto processo, in Appello si riapre l’istruttoria dibattimentale

La prima sezione penale della Corte di Appello di Catanzaro ha accolto la richiesta della Procura generale e delle parti civili. In primo grado il primario Sperlì, unitamente ad altri colleghi, era stato assolto dall’accusa di omicidio colposo

Fu assolto dall’accusa di omicidio colposo perché «il fatto non sussiste» il primario del reparto di Pediatria dell’Annunziata Domenico Sperlì, ma la Procura di Cosenza – una volta depositate le motivazioni della sentenza – presentò ricorso in Appello. L’udienza davanti ai giudici di secondo grado di Catanzaro si è svolta ieri mattina e la prima sezione penale della Corte d’Appello – presieduta dal presidente Gabriella Reillo e composta dai consiglieri Antonio Giglio e Antonio Saraco (relatore) – ha accolto la richiesta della riapertura dell’istruttoria dibattimentale avanzata dal sostituto procuratore generale Salvatore Di Maio e dall’avvocato Antonio Quintieri, difensore della famiglia di Romano Marino insieme al legale Ruggero Pio Micieli De Biase, affidando ai professori Paolo Arbarello dell’Università “La Sapienza” di Roma e Giorgio Dini dell’ospedale Pediatrico Gaslini di Genova una nuova consulenza tecnica. L’oggetto dell’incarico peritale è volto ad accertare «l’incidenza che avrebbe avuto, sul decorso e sulla progressione della malattia, una tempestiva diagnosi della stessa e una conseguente immediata somministrazione della terapia richiesta dai protocolli medici», così come indicato nell’ordinanza. Infatti secondo l’accusa Sperlì – difeso dagli avvocati Pierluigi Pugliese ed Enzo Greco, in concorso con altri medici, tutti assolti in primo grado, non avrebbe ottemperato ai protocolli richiesti per curare una gravissima malattia del sistema immunitario. Il processo è stato aggiornato al prossimo 6 giugno. (a. a.)

Related posts