Tutte 728×90
Tutte 728×90

Blondett: “Cosenza, la svolta è stata Roselli”

Blondett: “Cosenza, la svolta è stata Roselli”

Il difensore rossoblù si gode le meritate vacanze: “Sono convinto che rivedrò gran parte dei miei compagni. Siamo consapevoli dei nostri mezzi”.

Per Edoardo Blondett (foto di Michele De Marco) 28 gare di campionato e un gol, quello realizzato al Messina. Rispetto alle due stagioni precedenti c’è stato un miglioramento, visto che l’anno scorso si attestò a quota 23 e in Seconda divisione a 26. Chiuso con il calcio giocato, è rientrato in Liguria. “Sono tornato a casa da pochissimo e ho voglia di staccare la spina – spiega alla Gazzetta del Sud – Dopo una stagione così lunga e ad alta carica emotiva c’è soddisfazione da parte di tutti”. A differenza dei compagni, ha ancora un accordo fino al 2017, figlio del triennale che su input di Cappellacci Guarascio gli fece sottoscrivere due anni fa. “Vivrò questo periodo con meno ansia di chi è in scadenza e mi sento privilegiato, anche se sono convinto che rivedrò gran parte dei miei compagni. Nel discorso di fine campionato il patron Guarascio ha manifestato la volontà di ripartire dall’ossatura definita negli ultimi anni. Cambiare troppo potrebbe essere controproducente. Siamo arrivati ad un passo dal sogno e bisognerà ripartire esattamente da qui”. L’esultanza in faccia al bomber del Foggia Pietro Iemmello è stato un momento topico della stagione, al punto che la popolarità del difensore è cresciuta alle stelle. C’è anche chi ha pensato di ridargli la fascia, indossata già nel momento più turbolento degli ultimi tempi. “All’epoca piovvero molte critiche su di me e sulla squadra (settembre-novembre 2014, ndr), ma non me la sono mai presa anche perché si trattava di contestazioni giustificate. Con l’arrivo di Roselli abbiamo cambiato marcia”. Chiusura dedicata al rapporto con la città. “Genova è Genova, però a Cosenza si sta davvero bene. Sono approdato in riva al Crati senza sapere cosa mi attendesse. Mi sentivo spaesato, ma Cosenza ha impiegato pochissimo ad adottarmi. Mai scelta fu più azzeccata. Sulla scorta del campionato appena concluso dovremo costruire la nostra cavalcata vincente. Abbiamo appreso tanto e posso assicurarvi che è cresciuta anche la consapevolezza nei nostri mezzi”.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it