Tutte 728×90
Tutte 728×90

Federconsumatori: «Sicurezza alimentare necessaria per mangiare sano» FOTO

Federconsumatori: «Sicurezza alimentare necessaria per mangiare sano» FOTO

L’incontro, organizzato dall’associazione, ha affrontato temi molto importanti che riguardano i prodotti che arrivano ogni giorno sulle tavole degli italiani. Rosa: «Combattiamo la globalizzazione dei consumi con la filiera corta»

«Un altro consumo è possibile. Ma bisogna capire come e cosa arriva oggi sulle nostre tavole.  E’ un tema decisivo alla luce della globalizzazione dei mercati, dei consumi e delle abitudini, anche quelli alimentari. Serve fornire una corretta informazione al cittadino-consumatore. Conoscere significa utilizzare al meglio gli strumenti a propria disposizione. Il primo step è sapere leggere le etichette e il labirinto di simboli che ci danno una serie di dati sul prodotto che abbiamo acquistato. Essere bene informati si traduce nella scelta consapevole e responsabile rispetto a cosa mangiare e bere». Cristrina Indrieri

E’ quanto ha affermato l’avvocato Cristina Indrieri (Federconsumatori) durante l’incontro sulla “Sicurezza alimentare e i diritti dei consumatori”, alla presenza di Maria Cocciolo, direttore Confcommercio Cosenza; Mimma Iannello, presidente Federconsumatori Calabria; Francesco Rosa, presidente Cna Cosenza; Giovanni Sgrò (progetto Naturium); la sociologa Rosalba Martucci; il biologo nutrizionista Emiliano Mendicino e il segretario provinciale della Cgil, Umberto Calabrone. «Consumare prodotti conosciuti è un obbligo che abbiamo verso noi stessi, i nostri figli e chi produce in maniera diretta, manifesta e genuina». «Quanto più è vicino – ha detto Francesco Rosa, presidente del Cna e imprenditore agroalimentare – il luogo di produzione tanto è più sicuro il prodotto. Invito a sostenere l’economia locale, perché la ricchezza enogastronomica e agricola italiana è una delle nostre grandi risorse. Identità, tracciabilità e sicurezza sono elementi essenziali della nostra storia alimentare. Modelli di consumo sbagliati si sono imposti anche in Italia e già da molti anni. Per fortuna nel nostro Paese è nata una consapevolezza nuova rispetto alla funzione storica, culturale ed economica di politiche orientate a proteggere e favorire le produzioni locali».

francesco rosaDopo i saluti del segretario provinciale della Cgil, Umberto Calabrone, che ha ringraziato la Federconsumatori per «l’interessante iniziativa», è intervenuta Anna Lara Carrozzini in rappresentanza della Confcommercio Cosenza: «La nostra associazione s’impegna a garantire la sicurezza del prodotto lanciando l’allarme sulle filiere illegali». «Promuovere il biologico – ha sottolineato Giovanni Sgrò (progetto Naturium) – e prestare attenzione all’etichetta sono due imperativi di chi vuole  consumare in maniera consapevole». «Bisogna combattere – ha detto la sociologa Rosalba Martucci – contro la cultura del cibo spazzatura. L’educazione alimentare deve partire da bambini per evitare che prendano il sopravvento sin da piccoli abitudini di consumo sbagliate». Mimma Iannello, presidente regionale di Federconsumatori, nel suo intervento, ha tracciato un bilancio complessivo dell’incontro dedicato alla sicurezza alimentare.

Related posts