Tutte 728×90
Tutte 728×90

AMMINISTRATIVE 2016 | Occhiuto e l’autorecupero edilizio: «Il mio progetto per i ceti più deboli»

AMMINISTRATIVE 2016 | Occhiuto e l’autorecupero edilizio: «Il mio progetto per i ceti più deboli»

Il candidato a sindaco, dopo la recente sentenza assolutoria di alcuni attivisti del movimento Prendocasa Cosenza, illustra il suo piano. «Si procederà alla creazione di partenariati tra autorecuperatori e portatori di competenze negli ambiti tecnico edilizio, sociale e della comunicazione»

«La recente sentenza assolutoria nei riguardi di alcuni militanti del movimento Prendocasa Cosenza che, secondo il giudice, nel 2011 occuparono abusivamente degli immobili per un riconosciuto stato di bisogno e di emergenza, mi fa cogliere l’occasione per intervenire sull’argomento attraverso la presentazione di uno dei punti più innovativi del mio programma politico-amministrativo». A dirlo è Mario Occhiuto, ricandidato a sindaco della città di Cosenza. «In linea con le principali esperienze di auto recupero edile attualmente in corso in alcune città italiane, come ad esempio a Bologna, implementeremo percorsi di ristrutturazione a fini di edilizia sociale. Si procederà alla creazione di partenariati tra autorecuperatori e portatori di competenze negli ambiti tecnico edilizio, sociale e della comunicazione. La specificità di tali programmi – aggiunge Occhiuto – risiede nel coinvolgimento dei futuri abitanti degli immobili nella realizzazione degli interventi di recupero con specifici controlli e regolamentazione. All’atto dell’avvio dei lavori, gli autorecuperatori stipuleranno con il Comune di Cosenza una convenzione per la cessione del diritto di superficie degli immobili per una durata non inferiore ai 50 anni. Allo scadere del periodo, gli immobili rientreranno di proprietà comunale. Il progetto consentirà un approccio importante all’offerta di immobili di edilizia sociale soprattutto per i ceti sociali più deboli».

Related posts