Tutte 728×90
Tutte 728×90

E alla fine il Cosenza e Guarascio si trascinarono fino alle elezioni. A meno di sorprese…

E alla fine il Cosenza e Guarascio si trascinarono fino alle elezioni. A meno di sorprese…

Sarà un caso, ma il patron non ha messo granché nero su bianco prima della tornata elettorale. Compreso il contratto del direttore sportivo che resta “una pura formalità”.

Chi vedeva nelle elezioni lo spartiacque per il futuro del Cosenza probabilmente non credeva davvero di azzeccarci. Erano più che altro supposizioni buttate lì, per indicare un avvenimento che il Guarascio-imprenditore seguirà da vicino per via del contratto di Ecologia Oggi che è agli sgoccioli con Palazzo dei Bruzi. Un po’ come quelli di Ciancio, La Mantia, Criaco, Corsi, Arrigoni e del direttore sportivo Meluso lo sono con il club rossoblù. “Ratificare l’accordo con il ds è formalità” hanno ripetuto più volte da Via degli Stadi, ma fatto sta che è passata un’altra settimana senza che si comunicasse ufficialmente il prolungamento fino al 2017. Se non fosse per l’imminente tornata elettorale, il pensiero più diffuso sarebbe la calma estrema che anima il presidente quando deve prendere in mano la biro e sancire intese di carattere economico. Ma domenica i cittadini saranno chiamati alle urne e, per puro caso, fino a quel giorno il Cosenza calcio non avrà operato un granché. Giusto il rinnovo di Statella che altrimenti sarebbe finito al Venezia se si fosse tentennato ancora. Meluso, a meno di un clamoroso annuncio in mattinata, tornerà a Teramo senza la copia del contratto da conservare in cassaforte e i calciatori vivranno un altro week-end da precari. Nonostante ciò il direttore lavora attivamente sul mercato e studia i possibili rinforzi. Per i rinnovi, però, stavolta serviranno sacrifici come avvenuto con l’esterno reggino. E Guarascio che fa? Beh, l’imprenditore che è in lui seguirà tutta la notte (ovviamente su CosenzaChannel.it) l’andamento del voto. Il vestito da presidente verrà rispolverato lunedì mattina o forse dopo il ballottaggio. A quel punto il quadro sarebbe chiaro: con il persistere dell’impasse parlare di casualità diventerebbe inefficace. Ma per adesso lo stallo delle operazioni è solo un caso, ci si è fatto il callo. (Antonio Clausi)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it