Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, offensiva del Lecce per Meluso. Il ds traballa, Guarascio alza la posta?

Cosenza, offensiva del Lecce per Meluso. Il ds traballa, Guarascio alza la posta?

Il nuovo asset societario dei giallorossi vuole puntare su Meluso (non è l’unico nome) che ancora non ha firmato. Il Cosenza pronto a rispondere.

Il Lecce affonda il colpo su Mauro Meluso e il ds del Cosenza ragiona sul da farsi. Il week-end potrebbe essere decisivo. Sia chiaro: non è l’unico nome che al Via del Mare viene vagliato, ma un contatto con il direttore sportivo calabrese in scadenza c’è stato. Lo confermano fonti dirette provenienti dalla Puglia. E’ questa la bomba del fine settimana che distrarrà i cosentini con l’apertura delle urne, ma che è deflagrata nel giorno del silenzio elettorale. In Salento è tempo di grandi cambiamenti, tanto che l’imprenditrice Manuela Ferrari ha acquistato il 30% delle quote societarie con il chiaro obiettivo di portare in Serie B i giallorossi insieme al presidente Tundo. Il ko nel doppio confronto con il Foggia nei playoff ha prodotto scosse telluriche non indifferenti: via il ds Trinchera (che corteggiava Corsi da tempo e che va al Francavilla neo-promosso) e forse via anche Piero Braglia. Contestualmente è partito il casting per il nuovo direttore dell’area tecnica e uno dei profili che si tengono in considerazione è quello dell’ex attaccante della Lazio (il portale sololecce.it riporta pure il nome di Sensibile, ndr).
Dal canto suo Guarascio non appare preoccupato dalla cosa, tanto che i due hanno avuto l’ennesima riunione di recente. Si è parlato ancora di Cosenza, con il patron pronto a ritoccare il contratto. Dai due/tre anni richiesti inizialmente da Meluso si era passati ad un prolungamento del rapporto lavorativo di soli 12 mesi. Adesso pare che gli orizzonti siano cambiati nuovamente, ma l’impressione è che i rossoblù riescano a respingere l’offensiva. Sarà decisivo il week-end, poi si comincerà a fare sul serio. Con o senza Meluso, più probabile con. E un biennale sul tavolo. (Antonio Clausi)

Related posts