Tutte 728×90
Tutte 728×90

Somme indebitamente vincolate da Poste Italiane, il tribunale dà ragione al Comune di Cosenza

Somme indebitamente vincolate da Poste Italiane, il tribunale dà ragione al Comune di Cosenza

Palazzo dei Bruzi si era opposto al pignoramento della somma di oltre 400mila euro. Poste Italiane aveva invece indebitamente vincolato somme pignorate dai creditori nei conto correnti dell’ente, impedendo di fatto all’ente stesso di eseguire pagamenti obbligatori per legge.

Il Tribunale di Cosenza ha accolto l’opposizione proposta dal Comune di Cosenza al pignoramento di una cospicua somma, oltre 400mila euro, indebitamente vincolata da Poste Italiane S.p.A., ponendo così fine ad un lungo contenzioso. Lo comunica l’avvocato Agostino Rosselli, dello staff Avvocatura comunale. Con questa sentenza, in pratica, si ribadisce il principio che non possono essere pignorate le somme di denaro degli enti locali presso soggetti diversi dai rispettivi tesorieri, che sono gli unici autorizzati dalla legge ad eseguire tutti i pagamenti. Poste Italiane aveva invece indebitamente vincolato somme pignorate dai creditori nei conto correnti dell’ente, impedendo di fatto all’ente stesso di eseguire pagamenti obbligatori per legge. L’Avvocatura, rilevati dagli uffici di ragioneria i danni derivati, procederà con l’addebito a Poste Italiane.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it