Tutte 728×90
Tutte 728×90

Arrigoni-Cosenza, è finita

Arrigoni-Cosenza, è finita

Il centrocampista non rinnoverà il contratto con la squadra rossoblù dopo non aver raggiunto l’accordo con il presidente Guarascio. In stagione non ha saltato un minuto.

E’ finita tra il Cosenza e Andrea Arrigoni (‘88). Il centrocampista di Bellano, vicino Lecco, non ha raggiunto con i rossoblù l’intesa per il rinnovo del contratto in scadenza il prossimo 30 giugno. Con ogni probabilità seguirà Meluso a Lecce. Arrigoni, fin dallo scorso mercato invernale era uno di quei calciatori su cui sia lo stesso ex direttore sportivo che l’allenatore spingevano per il prolungamento del rapporto lavorativo. Sordo alle richieste dei suoi più stretti collaboratori, Guarascio perde il regista della squadra che ora cambierà casacca. Solo in queste ore il presidente si sta rendendo conto che quelle parole erano pronunciate nell’interesse suo e della società e non per seconde e inesistenti motivazioni. Arrigoni, prelevato nell’estate del 2014 dal Pavia (fu combinazione Preite, uno dei candidati alla poltrona di responsabile dell’area tecnica, a ratificare l’operazione con Meluso, ndr), non riuscì inizialmente ad imporsi sotto la gestione Cappellacci. Un mancato ambientamento lo relegò in panchina fino all’arrivo di Roselli. Dall’11 novembre 2014 in poi (Cosenza-Messina 0-0) non saltò più nemmeno un minuto al punto da essere definito “insostituibile” dall’allenatore del Cosenza. Elemento dalla spiccata intelligenza tattica, può fungere sia da regista che da mediano classico. La sua peculiarità è saper leggere in anticipo le trame di gioco intercettando i passaggi degli avversari a protezione della retroguardia. Letale sui calci piazzati, conclude la sua esperienza in riva al Crati con 68 presenze e 5 gol. Nella stagione appena conclusa è stato l’unico calciatore rossoblù ad aver collezionato tutti e 3060 minuti: mai una sostituzione. Per Roselli è una perdita pesantissima.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it