Tutte 728×90
Tutte 728×90

Droga e armi, arresti e denunce nell’Alto tirreno cosentino

Droga e armi, arresti e denunce nell’Alto tirreno cosentino

Il servizio coordinato sul territorio, predisposto dalla Compagnia dei carabinieri di Scalea, ha portato alla scoperta di alcuni cantieri nei quali mancavano le prescrizioni a norma di legge della tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Si è concluso alle prime ore del mattino un servizio coordinato della Compagnia carabinieri di Scalea – diretta dal capitano Alberto Pinto – finalizzato alla repressione dei furti e dello spaccio di sostanze stupefacenti nel tratto costiero che da Grisolia arriva a San Nicola Arcella. Due le persone arrestate, dieci le persone denunciate, controlli anche ai cantieri per prevenire il fenomeno delle morti bianche. I militari dell’Arma hanno arrestato un pregiudicato (classe ‘62) nel comune di Santa Maria del Cedro che, pur essendo sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, è stato sorpreso mentre si aggirava tra le strade del centro cittadino. A Scalea un uomo (classe ‘76) è stato rintracciato e arrestato in quanto destinatario di una misura di custodia cautelare per lesioni personali e maltrattamenti in famiglia ai danni dell’ex coniuge. Nel territorio di San Nicola Arcella due giovani sono stati sorpresi mentre si aggiravano nei pressi di alcuni parchi estivi dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile: a seguito di perquisizione personale gli stessi sono stati trovati in possesso di un tirapugni in ferro e di due coltelli a serramanico. Le armi sono state sequestrate e i due sono stati deferiti in stato di libertà per porto abusivo di armi ed oggetti atti a offendere. Numerosi i controlli effettuati a soggetti sottoposti a misure di prevenzione: due le denunce per violazione degli obblighi imposti dall’autorità giudiziaria nei territori di Grisolia e Scalea. I militari della Stazione di Scalea hanno concluso una serie di controlli ad alcuni cantieri della giurisdizione di competenza deferendo sei persone ritenute responsabili, a vario titolo, di violazioni alla normativa sulla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Related posts