Tutte 728×90
Tutte 728×90

Arrighini è del Cittadella: “Lascio Cosenza solo per la Serie B. Tiferò per i Lupi”

Arrighini è del Cittadella: “Lascio Cosenza solo per la Serie B. Tiferò per i Lupi”

Il club veneto acquisisce le prestazioni del giocatore che lascia l’Avellino. La trattativa è stata conclusa sulla base di un prestito con diritto di riscatto.

Andrea Arrighini (‘90) è un nuovo giocatore del Cittadella. Il club veneto ha raggiunto l’accordo con l’Avellino grazie a una trattativa lampo sulla base di un prestito con diritto di riscatto. L’attaccante, nel caso in cui il Cittadella dovesse esercitare questa opzione, firmerà un contratto di quattro anni. Si conclude così l’esperienza del bomber pisano con la maglia dei Lupi, il quale non ha mancato di lasciare il suo riconoscente saluto alla città bruzia: “Ringrazio con tutto il cuore Cosenza, perché qui ho trovato un gruppo fantastico, delle persone squisite e per bene, dal magazziniere al presidente – ha detto – Ci tengo a sottolineare la mia riconoscenza alla società che fino all’ultimo si è spesa affinché io restassi in rossoblù. La decisione di andare via è maturata solo dopo che mi è stata offerta l’opportunità di approdare in serie B, altrimenti, a parità di categoria, mai avrei preso la decisione di lasciare questa maglia. Sarebbe potuta arrivare anche un’offerta del Parma o del Venezia, ma nulla mi avrebbe schiodato dal Marulla. È un treno, questo, che a 26 anni sento di dover prendere. La mia esperienza qui è stata a dir poco fantastica, e questo per merito di tutto lo staff: allenatore, magazzinieri, le persone che lavorano in amministrazione, il presidente e la città intera”. Arrighini si congeda con un ultimo messaggio. “Spero di ritrovare il Cosenza in serie B, dove merita di stare, e perciò faccio il mio più grande in bocca al lupo alla squadra per il campionato che si appresta a disputare, con la speranza che lo possa vincere. Tiferò per i miei ex compagni. Infine un grandissimo abbraccio alla meravigliosa tifoseria rossoblù, degna di palcoscenici migliori e più appropriati al calore che esprime”. (Antonio Clausi)

Related posts