Tutte 728×90
Tutte 728×90

Scorre sangue ad Acri, badante uccisa a coltellate. Fermato un uomo

Scorre sangue ad Acri, badante uccisa a coltellate. Fermato un uomo

I carabinieri di Rende, d’intesa con la Procura di Cosenza, emettono un decreto di fermo nei confronti dell’anziano Angelo Brogno, in passato accusato di aver tentato di violentare sessualmente una badante.

E’ stato emesso pochi minuti fa un decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di Angelo Brogno, anziano originario di Acri, sospettato dalla Procura di Cosenza e dai carabinieri della Compagnia di Rende di aver ucciso a coltellate la badante di nazionalità bulgara la scorsa notte ad Acri in contrada Scuva. Il provvedimento emesso dal pubblico ministero di turno Donatella Donato, d’intesa con il procuratore capo Mario Spagnuolo, è arrivato al termine delle indagini svolte dal Nucleo Operativo diretto dal tenente Fabrizio Ricciardi che ha raccolto gravi indizi di colpevolezza contro l’indagato, al quale per il momento è stato affidato un difensore d’ufficio. Brogno attualmente si trova all’ospedale “Annunziata” di Cosenza per sottoporsi alle cure dei sanitari, i quali stanno medicando le ferite di arma da taglio rinvenute dai carabinieri durante la prima parte degli accertamenti investigativi, sviluppatesi nell’immediatezza dei fatti. Una donna di nazionalità bulgara è stata uccisa nella notte ad Acri dopo essere stata colpita con diverse coltellate. In passato Angelo Brogno era stato accusato anche di tentata violenza sessuale nei confronti di altre badanti che lo assistevano nella sua abitazione. (a. a.)

Seguono aggiornamenti

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it