Tutte 728×90
Tutte 728×90

Gambino prenota #la9diGigi: “C’ho pensato alla firma. Cosenza, la onorerò”

L’attaccante ha le idee chiare: “Speravo che il club desse seguito all’interesse di gennaio: sono qui per sfruttare al massimo l’opportunità concessami”.

Giuseppe Gambino si è piazzato al centro dell’attacco e non vede l’ora di dimostrare quanto sia importante averlo strappato alla concorrenza. Punta centrale vecchia maniera, presidia l’area di rigore avversaria con lo spirito di un cecchino pronto a fulminare i portieri alla prima occasione. E’ tra i calciatori del Cosenza che vantano un fisico più imponente, normale che impieghi un tempo maggiore per trovare la forma migliore. “Stiamo lavorando sodo in vista della Coppa Italia e del campionato – ha detto ieri a margine del test con la Stilese – Sinceramente i primi giorni sono stati abbastanza duri”. Per lui un altro gol dopo l’acuto con la Morrone. “E’ importante per un centravanti, anche in allenamento, trovare sempre la via della rete. Quello che proviamo di mattina, inizia a vedersi pure in partita. Con Baclet mi trovo bene, ma in generale sono stato colpito dal gruppo: è davvero fantastico al punto che mi sembra di stare qui da sempre”.

CA1A3436Il Cosenza ha coronato un inseguimento durato sei mesi e iniziato nell’ultima finestra di mercato invernale. “Sì, sono stato ricontattato ad inizio giugno, dopo che già da tempo mi ero sentito con Meluso. Il primo abboccamento c’è stato a gennaio, poi con Cerri un’altra telefonata un mesetto fa. Il giorno decisivo, invece, ero a cena con amici e a mezzanotte sono stato informato che dopo qualche ora sarei dovuto partire per la Calabria. Ci speravo, perché mi auguravo che all’interesse vecchio si desse seguito come poi è realmente avvenuto”. Gli toccherà una maglia importante: la nove di Gigi Marulla. “Conosco bene il significato di quella maglia. Quando ho firmato ho pensato parecchio a questo aspetto. Qui ha un valore particolare, ma darò sempre tutto me stesso per onorarla. Si tratta del numero che rispecchia maggiormente le mie caratteristiche”. La sua carriera ha avuto come comun denominatore il gol. “Ho già giocato in alcune piazze importanti, ma una possibilità come questa è la prima volta che mi capita. Voglio sfruttare l’occasione con grande umiltà, sono a disposizione e darò tutto me stesso indipendentemente dal numero di match in cui verrò impiegato”.

Chiusura dedicata al passato di Gambino. “Perché ho cambiato spesso casacca? All’inizio della mia carriera sono stato molto sfortunato. Nei primi sette-otto anni le mie squadre sono quasi tutte fallite, poi altre volte come a Teramo, dove sarei rimasto a vita, è arrivata la chiamata di un club di categoria superiore ed ho deciso di fare un doppio salto dalla D alla C1. L’Akragas? E’ la squadra della mia città, ma non mi va di bussare io alla loro porta. Non nego che mi piacerebbe indossare quella maglia un giorno, lo dico ogni estate”.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it