Tutte 728×90
Tutte 728×90

D’Anna: “Cosenza, Kanoute e Iunco li conosco. Farebbero comodo a chiunque”

Il nuovo laterale dei rossoblù ha le idee chiare: “Ho colto l’occasione al volo perchè so dell’importanza di questa piazza e conosco la tradizione del club”.

d'anna lorica3112 presenze condite da 8 marcature in Serie B; 167 volte è sceso in campo in una partita di Lega Pro andando a segno 14 volte; 11 presenze in Serie A. Sarà l’elemento di maggiore esperienza del Cosenza Calcio per la stagione 2016/2017. Così il jolly tutto-fare, Emanuele D’Anna. “A Cosenza mi sono trovato da subito molto bene –  ha spiegato – Conoscevo solo Baclet perchè abbiamo giocato insieme a Castellammare ma non ho avuto problemi ad inserirmi. Il gruppo mi ha accolto bene e mi sono subito ambientato al meglio. Dopo tanti anni penso sia normale riuscire a calarsi nella parte sin da subito”.

Il dubbio amletico che si porta dietro circa la sua collocazione in campo, viene fugato subito. “Sono un giocatore di fascia. Ho giocato come terzino ma anche come ala. Per quanto mi riguarda mi trovo bene in tutti questi ruoli, anche perchè ho avuto dei grandi allenatori che mi hanno insegnato molto. Roselli mi sta provando come difensore basso, ruolo che tra l’altro ho ricoperto in passato con buoni risultati a Benevento”. A proposito della sua ex squadra, il neo rossoblù, continua: “Forse hanno ottenuto la promozione nella stagione in cui hanno speso di meno. Ma si sa, nel calcio i soldi da soli non vincono i campionati. Quello che contano sono le competenze e la programmazione. Lo scorso anno a Benevento hanno fatto le cose per bene.”

d'anna lorica2In merito alla stagione che sta per iniziare, invece, l’esterno afferma: “Sulla carta Foggia, Lecce, Matera e Catania sono quelle piu attrezzate. Anche perchè hanno un budget diverso e si sono mosse sul mercato in un certo modo. Ma, come dicevo prima, questa griglia di partenza è valida solo ora che siamo a bocce ferme. Una volta che inizia il campionato la spunterà chi avrà più organizzazione, più esperienza e maggiore qualità nell’interpretare il campionato”. A seguire l’esterno campano ricorda con piacere le esperienze passate di quando calcava i campi di Serie A (con la maglia del Chievo Verona nella stagione 2008/2009) e di Serie B (con le maglie di Piacenza, Arezzo e Pisa), riuscendo a comprendere al meglio le differenze con l’attuale Lega Pro: “La differenza è la qualità. Più si sale di categoria e più la qualità aumenta. Non solo quella tecnica del singolo ma anche nella gestione delle piccole cose. Molte delle cose che in Lega Pro a volte vengono trascuriate nelle categorie superiori ci lavorano parecchio.” Domenica si entra subito nel vivo della stagione con l’importante partita di Tim Cup che vedrà i rossoblù di Roselli affrontare l’ostica Frattese. Nel match D’Anna dovrebbe scendere in campo come terzino destro (complice l’assenza di Corsi per squalifica). “La Frattese è una buona squadra. Conosco il loro allenatore e l’anno scorso per poco non hanno centrato la promozione. Non dobbiamo sottovalutarla, è una buona squadra. L’ho vista all’opera, giocano con un 4-3-3 molto offensivo. Anche se noi siamo il Cosenza dobbiamo stare attenti.”

Non possono mancare battute sul mercato con due nomi che nelle ultime ore sono stati accostati al Cosenza: Iunco e Kanoutè. A tal proposito D’Anna ne è sicuro, sarebbero acquisti che potrebbero fare la differenza: “Conosco entrambi, hanno caratteristiche molto simili. Sono giocatori molto offensivi abili nell’uno contro uno e nel saltare l’uomo. Kanoutè era ancora un ragazzino quando giocavo a Benevento. Iunco, invece, è un giocatore con grande esperienza, ha giocato la Serie A e la Serie B. Sono due elementi che con la loro qualità farebbero comodo non solo al Cosenza”. In conclusione D’Anna racconta di come è nata la trattativa tra il suo entourage e il direttore Cerri: “ Se sono qui è anche merito del direttore. Lo conoscevo da Piacenza e quest’anno è venuto a vedermi parecchie volte. Tramite il mio procuratore, mi ha fatto sapere dell’interesse del Cosenza. Ho colto l’occasione al volo perchè so dell’importanza di questa piazza e conosco la tradizione del club. Per me è un piacere stare qua e mi auguro solo di dare grandi soddisfazioni ai nostri tifosi”. (Francesco Pellicori)

 

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it