Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pinna spegne le candeline: “Cosenza, adesso arriva il bello”

Pinna spegne le candeline: “Cosenza, adesso arriva il bello”
Il terzino ha compiuto 24 anni: “Parlando con la società nessuno mi ha detto che sarei stato messo sul mercato. Resterò in rossoblù”.
Quando mancano pochi giorni al termine del ritiro di Lorica il Cosenza tira le somme in vista del primo match ufficiale della stagione che vedrà i rossoblù agli ordini di Roselli sfidare la Frattese. Il match di domenica è il primo test probante per i Lupi rossoblù. Tocca all’esterno difensivo, all’occorrenza difensore centrale, Paride Pinna fare il punto della situazione.
L’esterno difensivo della compagine bruzia, che ieri ha spento 24 candeline al Brillo Parlante,  è entusiasta del collettivo creato dal direttore Cerri e, senza mezzi termini, afferma: “Siamo un buon gruppo, si sono inseriti bene i nuovi acquisti. C’è gente che ha voglia di fare bene. Il ritiro sta per concludersi e ci stiamo preparando per la partita di domenica. Le amichevoli lasciano il tempo che trovano, da domenica inizia il bello”. Così debutta il laterale sardo che poi continua: “Per quanto riguarda il mio posizionamento tattico in questa stagione, il mister mi sta provando costantemente da difensore sinistro. A me questo ruolo piace molto, spero di migliorare alcune situazioni in cui ero carente lo scorso anno”.
Pinna commenta anche le voci che, all’inizio dell’estate, lo volevano lontano dalla Calabria: “Parlando con la società nessuno mi ha detto che sarei stato venduto. Che dovevo essere una pedina destinata ad andare a giocare altrove l’ho letto solo dai giornali. Dalla dirigenza non è uscita mai una cosa del genere”.
Dalle parti di Via degli Stadi sono tutti molto convinti che questa sarà una stagione importante. “Le possibilità di fare una grande stagione non sono né poche né tante. Le compagini che lo scorso anno hanno disputato campionati di media classifica, come Catania e Juve Stabia, si sono notevolmente rafforzate”.
Squadre storiche come Taranto, Reggina e Cavese, saranno ripescate dalla Serie D alla Lega Pro. In merito, Pinna, ha le idee chiare: “Sarà ancor di più un grande campionato. Sono compagini che diranno la loro in questa categoria. Hanno delle tifoserie calde e non sarà facile giocare contro di loro sopratutto in trasferta”.
Non mancano battute sul sistema di gioco e sulla tattica di Roselli.  Il 4-4-2 del tecnico umbro sembra aver dato equilibrio all’intera squadra. Proprio come afferma il difensore sardo: “Con il 4-4-2 abbiamo trovato un equilibrio importante. E’ la cosa che conta di più per il mister. E’ un punto di forza di questi ultimi anni ed è gusto continuare su questa linea”.
In conclusione, Pinna, confessa chi tra i nuovi acquisti lo ha stupito maggiormente. “Baclet è un giocatore formidabile. Ha dei colpi importanti e non mi aspettavo che fosse cosi forte. Fuori dal campo è uno splendido ragazzo. Ma anche gli altri ragazzi si sono fatti tutti apprezzare. Non c’è nessuno presuntuoso o permaloso. Credo che saremo un bel gruppo. Siamo pronti per entrare nel vivo della stagione già da domenica, spero che lo stadio, in occasione della partita di Coppa contro la Frattese, sia pieno”. (Francesco Pellicori)

Related posts