Tutte 728×90
Tutte 728×90

L’APOCALISSE | Morti e feriti tra Lazio e Umbria, scossa di terremoto 6.0 vicino Rieti [FOTO-VIDEO)

Centro Italia colpito nella notte da un fortissimo sisma che ha distrutto interi paesi e provocato numerose vittime. Ma il numero dei cadaveri è destinato a salire. Mobilitato anche l’Esercito. 

Un forte terremoto ha colpito nella notte l’Italia centrale provocando morti e feriti. Una scossa di magnitudo 6.0 è stata registrata alle 3:36 con epicentro vicino Accumoli, in provincia di Rieti, e con epicentro a soli 4 chilometri di profondità. Una seconda scossa di magnitudo 5.4 è stata registrata alle 4:33 con epicentro tra Norcia (Perugia) e Castelsantangelo sul Nera (Macerata) ed ipocentro a 8,7 chilometri di profondità. Crolli sono segnalati ad Arquata del Tronto dove sono state accertati due morti. Vittime sono segnalate anche ad Accumoli dove c’è almeno un morto e una famiglia di quattro persone – due bambini piccoli e i loro genitori – è sotto le macerie e non dà segni di vita secondo quanto testimonia il sindaco Stefano Petrucci.

Morti anche ad Amatrice dove ci sono molti crolli. Il sindaco Sergio Pirozzi ha riferito a Skytg24 che «il paese non c’è più»: tra le zone maggiormente colpite vi è l’ospedale che registra numerose crepe al suo interno e un istituto di suore nel quale vi sarebbero altre vittime. Il sisma ha raso al suolo la frazione di Pescara del Tronto (Ascoli Piceno) e si teme che fra le macerie possano esserci vittime. Sul posto sono al lavoro i Vigili del fuoco, il 118 e la Protezione civile. Arquata del Tronto, il borgo è uno dei centri che ha riportato maggiori danni nelle Marche.

14138183_1784799655130259_6212144888836379444_o 14124246_1784799631796928_6338103193155391128_o 14067634_1784799611796930_7301162465734058403_n 14107671_1784799598463598_1583904457222123467_o 2f632702b38514fba57fc57d1eac974c

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altri danni e persone coinvolte in almeno quattro comuni, tre in provincia di Rieti e uno in provincia di Ascoli Piceno. E’ “alto” e viene aggiornato di ora in ora il numero dei cittadini che nelle Marche sono sfollati per il crollo o i gravi danni subiti dalle loro abitazioni a causa del terremoto. Il sisma è stato avvertito particolarmente in quattro regioni: Lazio, Umbria, Abruzzo e Marche che appare la più colpita. Per far fronte all’emergenza sismica è stato mobilitato anche l’esercito: da poco i genieri sono partiti da Roma verso le zone colpite.

Schermata 2016-08-24 alle 07.10.10 single_event_google

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it