Giudiziaria

“LAQUEO” | I magistrati della Dda: «Denunciare conviene, ma è necessario supportare le vittime della ‘ndrangheta»

I procuratori aggiunti della Procura antimafia di Catanzaro lanciano un appello: «La società civile deve stare accanto a chi denuncia. Più che le minacce è l’isolamento a portare i testimoni di giustizia fuori dalla Calabria».

Un richiamo alla società civile e un appello alle vittime della ‘ndrangheta a denunciare violenze e minacce. I procuratori aggiunti della Dda di Catanzaro Giovanni Bombardieri e Vincenzo Luberto questa mattina durante la conferenza stampa dell’operazione antimafia denominata “Laqueo” hanno sottolineato l’importanza di non lasciare soli coloro i quali hanno il coraggio di rivolgersi ai magistrati per mettere fine ai soprusi della mafia. «L’usura sono i Bot della criminalità organizzata» ha detto il numero due della Dda di Catanzaro Vincenzo Liberto. «L’usura – ha dichiarato invece il procuratore aggiunto Giovanni Bombardieri – è una piaga che blocca l’economia del territorio ed è un fenomeno strettamente collegato alla criminalità organizzata. Siamo attenti e sensibili al tema e speriamo di poterlo contrastare sempre più efficacemente con il previsto rafforzamento dell’organico della Procura. È importante il ruolo della società civile che deve stare accanto a chi denuncia. Più che le minacce è l’isolamento a portare i testimoni di giustizia fuori dalla Calabria. È successo che negozi che erano pieni di clienti si svuotavano dopo le denunce del commerciante, in passato chi si è ribellato al potere dei clan è stato isolato». Ancora Luberto. «Denunciare conviene anche economicamente, per le vittime si garantisce l’accesso a fondi anti usura. Non ci sono ragioni per indugiare nella denuncia». Il capitano del Ros Giovanni Migliavacca si è soffermato sull’attività investigativa che «ha consentito di svelare come gli imprenditori sotto usura fossero vittime anche di estorsioni, costretti a effettuare lavori gratuitamente, a far lavorare ditte segnalate dai clan o addirittura assumere personaggi dell’organizzazione criminale». Infine Il colonnello Milko Verticchio, comandante del Reparto operativo del Comando Provinciale dei carabinieri di Cosenza, ha spiegato che durante le perquisizioni domiciliari effettuate a casa di Luisiano Castiglia, alias “Mimmo”, e Francesco Magurno «sono stati rinvenuti assegni e altro materiale che potrà consentire ulteriori sviluppi alle indagini».

Tags
Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina