Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, in molti non sono soddisfatti della chiusura del mercato

Cosenza, in molti non sono soddisfatti della chiusura del mercato

Il 57% dei fan rossoblù ha votato il nostro sondaggio dando un’insufficienza all’operato della società. Solo il 23% pensa che sia stato una buona sessione.

L’esito del sondaggio settimanale di CosenzaChannel.it non lascia alcuno spazio ad interpretazioni e suona come un monito: il 57% dei votanti ha bollato come insufficiente il mercato condotto dal Cosenza nella sessione tradizionale. Dall’1 luglio al 31 agosto secondo molti si sarebbe potuto fare di più e non hanno esitato a sottolinearlo. Il voto, come detto, è significativo ed arriva nella settimana post-derby con lo 0-3 che ha ringalluzzito il popolo dei Lupi che soltanto nel sondaggio precedente ha espresso il parere di poter stazionare tra il secondo e il quarto posto. Ad ogni modo per il 21% è stato un buon mercato, per il 18% sufficiente e per il 4% ottimo. Per ciò che concerne i vostri commenti, Cristian sottolina come “in attacco si doveva fare di più, non si può contare sugli svincolati che sono pochi e tutti sulla via del tramonto. Se ci si deve affidare ad uno svincolato da 5/6 goal a stagione meglio un giovane della Berretti“. Giuseppe è del parere che serva “un attaccante per avere alternative durante la stagione e un centrale di centrocampo“, mentre Alessandro sentenzia: “Non sono soddisfatto. Purtroppo ci siamo dedicati alla difesa e al centrocampo (decisamente buoni i giocatori che appartengono a queste aree, sia i veterani come quasi tutti i subentrati) trascurando l’attacco“. Giuseppe analizza dicendo che “al di là dei mugugni inevitabili va notato che la rosa del Cosenza è sulla carta qualitativamente inferiore solo ad altre 2-3 ed è sullo stesso piano di altrettante, in particolare in difesa si può considerare al vertice. E’ vero, fosse arrivato un altro attaccante avremmo fatto un ulteriore passo teorico verso il vertice ma questo può sempre accadere durante l’anno o a gennaio“. Guerino crede che il mercato sia “sotto la sufficienza in quanto secondo me manca un centrocampista di qualità ed un attaccante, sperando che il giovane difensore peso in prestito dalla Fiorentina dia garanzie sufficienti”. Si Facebook Giovanni afferma che “lasciando stare la partita di Catanzaro, il mercato con la rosa attuale andrà giudicato tra un paio di settimane. Personalmente ritengo che andava completato numericamente l’organico per non incorrere negli stessi problemi dello scorso anno“. Così Francesco: “Secondo me siamo allo stesso livello del campionato scorso, per fare il salto di qualità ci poteva stare un attaccante da 15 gol (soprattutto), un esterno di difesa con i piedi buoni o un centrale di centrocampo di esperienza”. Chiusura con l’ottimista Raffaele: “Non c’è paragone con l’anno scorso sia qualitativamente che numericamente. Abbiamo allungato la panchina, cosa molto importante alla lunga, e c’è l’imbarazzo della scelta in ogni ruolo. Quindi oggi tanta qualità e non solo quantità. Gli innesti che servivano sono stati effettuati tutti! Questo è un Cosenza molto più cinico ed esperto di prima“.

Related posts