Tutte 728×90
Tutte 728×90

Forte esplosione a New York, 29 feriti: uno è grave. Il sindaco: «Non è terrorismo»

Forte esplosione a New York, 29 feriti: uno è grave. Il sindaco: «Non è terrorismo»

La Grande Mela scossa da una esplosione verificatasi intorno alle ore 20.30 nel quartiere di Chelsea. De Blasio: «Per il momento non ci sono prove di connessioni con il terrorismo».

Una fortissima esplosione ha sconvolto New York «intorno alle 20.30», ora locale, nel quartiere di Chelsea, molto affollato il sabato sera, davanti al civico 131 West della 23esima strada. Il bilancio è di almeno 29 feriti, di cui uno grave, secondo quanto reso noto dalle forze dell’ordine durante una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il capo della polizia di New York, James O’Neill, il capo dei pompieri, Daniel Nigro e il sindaco Bill de Blasio che ha parlato «di atto intenzionale», escludendo per il momento legami con il terrorismo. La zona è stata isolata. Sul posto sono accorsi reparti speciali, antiterrorismo, agenti dell’Fbi e del Dipartimento per la sicurezza interna, oltre agli artificieri impegnati a disinnescare anche un secondo ordigno, sulla 27esima strada tra la sesta e la settima avenue, sempre secondo quanto riferito dalla polizia di New York. Il presidente Barack Obama è stato informato, così come i due candidati alla Casa Bianca, Donald Trump e Hillary Clinton. Trump, durante un evento elettorale a Colorado Springs, in Colorado, ha dato la notizia della bomba esplosa a New York. «Nessuno sa esattamente cosa sia successo – ha detto – ma siamo in un momento in cui bisogna essere davvero duri». Già nel pomeriggio le forze dell’ordine avevano dato notizia di una bomba esplosa in un cassonetto sul circuito di una maratona da 5 chilometri organizzata Seaside Park, in New Jersey, a favore dei marine. La corsa è stata poi annullata. De Blasio ha escluso collegamenti tra le due esplosioni.

ATTO INTENZIONALE. L’esplosione a New York è stato «un atto intenzionale». Lo ha detto il sindaco della Grande Mela, Bill de Blasio, precisando che «per il momento non ci sono prove di connessioni con il terrorismo». Le informazioni «sono preliminari, le dovremo verificare con attenzione ma non ci sono evidenze a questo punto – ha affermato – di legami con il terrorismo». Il sindaco ha inoltre escluso connessioni con la bomba esplosa in mattinata in New Jersey, in vista della maratona dei marine. «Questa notte New York ha vissuto un incidente molto serio», ha affermato de Blasio, accorso sul luogo dell’esplosione avvenuta alle 3.30 italiane. «Ma i newyorchesi non si faranno intimidire – ha assicurato – non consentiremo a nessuno di cambiare chi siamo e come viviamo».

Related posts