Tutte 728×90
Tutte 728×90

Amantea, il Tar sospende richiesta di pagamento del Demanio di oltre 4 milioni di euro

Amantea, il Tar sospende richiesta di pagamento del Demanio di oltre 4 milioni di euro

La zona interessata è quella del porto di Campora San Giovanni, che in passato la Corte di Cassazione aveva dissequestrato. 

Il TAR Calabria, con ordinanza n. 430/16, ha sospeso l’avviso di pagamento emesso dall’Agenzia del Demanio con cui veniva richiesta la somma di € 4.058.302,37 al Comune di Amantea per l’occupazione “abusiva” di suolo demaniale marittimo. La zona a cui fa riferimento l’atto impugnato, ed oggi sospeso, è quella che interessa il porto di Campora San Giovanni, già oggetto di sequestro penale e di successivo provvedimento di revoca della misura, quest’ultimo confermato anche dalla Suprema Corte di Cassazione. In particolare, il TAR Calabria, accogliendo le tesi dell’avvocato Nicola Carratelli, lo stesso legale a cui si era rivolto il Comune di Amantea per ottenere il dissequestro dell’area portuale, ha sospeso l’avviso di pagamento sul presupposto che l’occupazione della predetta area non sia abusiva, per come erroneamente ritenuto dall’Agenzia del Demanio, che aveva provveduto ad irrogare pesanti sanzioni, oltre alla richiesta di interessi e dei canoni demaniali, il tutto per una cifra superiore ai 4 milioni di euro. Ed invero, l’avviso di pagamento è stato motivato richiamando il procedimento penale in corso, a carico dei precedenti amministratori comunali e dei commissari straordinari, sul presupposto dell’occupazione sine titulo nel periodo 1998-2013; procedimento nell’ambito del quale però il provvedimento di sequestro dell’area è stato successivamente revocato dal Tribunale Penale di Cosenza, con ordinanza del 16/7/2014, in cui veniva disposta l’immediata restituzione della struttura portuale in favore del Comune di Amantea, tale provvedimento di dissequestro è stato confermato dalla Corte di Cassazione, che era stata adita dai Procuratori di Paola e Cosenza, i quali insistevano per il sequestro della  predetta struttura. Nel corso del giudizio dinanzi al giudice amministrativo l’avvocato Nicola Carratelli ha evidenziato come la funzione di gestione amministrativa del demanio sia delegata ai Comuni dalla Regione Calabria in forza della Legge Regionale n. 17 del 21/12/2005, e che, nel caso specifico, il Comune di Amantea ha adottato concessioni demaniali per l’uso della struttura portuale, con previsione ed indicazione dei relativi canoni, in conformità alla normativa in materia, sicché non si tratterebbe di occupazione abusiva. Pertanto, poichè l’esecuzione del provvedimento impugnato, mediante l’iscrizione a ruolo dell’importo di 4.080.449,24 euro avrebbe avuto considerevole impatto finanziario sulle casse comunali, con conseguenze negative sull’azione amministrativa dell’ente, il TAR Calabria ha concesso la sospensiva dell’avviso di pagamento dell’Agenzia del Demanio di 4.080.449,24 euro. La sentenza di merito dovrebbe arrivare entro la fine del 2017.

Related posts