Tutte 728×90
Tutte 728×90

Elicottero atterra a Nicotera, la procura di Vibo apre un’inchiesta

Elicottero atterra a Nicotera, la procura di Vibo apre un’inchiesta

I carabinieri di Vibo Valentia hanno acquisito la lista degli invitati. Lo sposo avrebbe legami di parentela con un clan di ‘ndrangheta.

Un elicottero è atterrato nella piazza principale di Nicotera, paese del vibonese per far scendere due novelli sposi. La zona è stata anche transennata per evitare che qualcuno si potesse avvicinare. Sul fatto avvenuto giovedì scorso, adesso, la Procura della Repubblica di Vibo Valentia, scrive il Quotidiano del sud, ha deciso di aprire un fascicolo formale. Al momento non ci sono indagati, ma i magistrati intendono chiarire chi è e perché ha dato l’autorizzazione all’atterraggio nella piazza di un paese.

GLI SVILUPPI. Al vaglio dei carabinieri c’è la lista degli invitati del matrimonio di Antonio Gallone, 30 anni, di Nicotera, atterrato insieme alla sposa in elicottero in piazza Castello a Nicotera senza alcuna autorizzazione il 14 settembre scorso. Acquisiti pure diversi filmati del matrimonio e dell’arrivo del velivolo accolto con un tappeto rosso per gli sposi e da quasi 400 invitati. Gallone, a cui carico è in corso un procedimento per coltivazione di stupefacenti, sarebbe imparentato con persone legate a un clan della ‘ndrangheta. Gli amministratori comunali, già sentiti dai carabinieri nell’ambito dell’inchiesta aperta dal procuratore facente funzioni di Vibo Valentia, Michele Sirgiovanni, che ha definito l’accaduto come «gravissimo», hanno spiegato che era pervenuta in Comune solo una richiesta di utilizzo del campo sportivo quale base di partenza dell’elicottero per raggiungere le isole Eolie. Il velivolo al ritorno è invece atterrato in piazza a due passi dal sagrato della chiesa dopo aver paralizzato il traffico cittadino con la chiusura delle strade adiacenti. Altri parenti sono stati invece segnalati come frequentatori del potente clan Mancuso che ha a Nicotera e Limbadi le proprie roccaforti. Il Comune di Nicotera è stato sciolto due volte per infiltrazioni mafiose e si attende la decisione del ministero dell’Interno su una nuova richiesta, la terza in 15 anni, di scioglimento della prefettura di Vibo.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it