Cronaca

Le figlie minorenni di Cosimo Donato utilizzate per lo spaccio di droga

La presunta associazione si sarebbe avvalsa del contributo delle due ragazzine che in alcuni casi avrebbero acquistato e detenuto la droga ai fini di spaccio e in altre situazioni avrebbero comprato nei negozi con monete false.

Le due figlie minorenni di Cosimo Donato e Vittoria Bellusci sarebbero state utilizzate per lo spaccio di droga e per la spendita di banconote false nei vari comuni del Cosentino. Risulta dagli accertamenti investigativi condotti dal Nucleo Operativo della Compagnia carabinieri di Castrovillari, agli ordini del maggiore Antonio Leotta, nei confronti della presunta associazione per delinquere sgominata dalla procura di Castrovillari.

Le persone finite chi in carcere e chi ai domiciliari sono sospettate del reato più grave contestato dai magistrati: Cosimo Donato sarebbe il capo ed organizzatore, mentre Vittoria Bellusci promotrice ed organizzatrice. I fatti risalgono al 2015, quando i militari dell’Arma sarebbero riusciti a dimostrare che le due ragazzine avrebbero acquistato diverse dosi di sostanze stupefacenti, trasportandole e successivamente detenendole per lo spaccio. Uno degli ultimi casi individuati dai carabinieri sarebbe stato captato nel gennaio del 2016.

Ma la presunta associazione avrebbe anche avviato azioni criminali forti nei confronti di coloro i quali erano debitori in quanto assuntori di droga. Tutto ciò sarebbe avvenuto ai danni di un ragazzo che avrebbe dovuto versare la somma di 500 euro e una delle figlie minorenni della coppia, la madre Vittoria e Pasqualina Pellegrini avrebbero minacciato e successivamente avrebbero dato alle fiamme l’auto della mamma del ragazzo. Episodio avvenuto a Lungro.

Nel corso dell’attività tecnica, sono stati ritrovati anche un fucile a canne mozze calibro 12 privo di marca e con matricola abrasa e una pistola calibro 7.65, modello 952 parabellum-Special, marca “Beretta”, con matricola abrasa e con relativo caricatore contenente quattro proiettili.

Chi invece forniva le banconote false ancora è chiaro, ma il sistema messo in piedi da una parte degli indagati è chiaro: per 1000 euro di banconote false erano disposti a versarne 300 euro, veri. Su questo aspetto ci sono ulteriori indagini in corso.

Per le due figlie minorenni sono stati trasmetti gli atti alla procura dei minori di Catanzaro.

Antonio Alizzi

Tags
Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina